spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Politica Italiana arrow Giornalismo: il silenzio solo per scelta
Giornalismo: il silenzio solo per scelta PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 01 luglio 2009

ImageROMA - Mentre il Presidente Napolitano, in vista del G8 invita stampa e politica ad una "tregua" nei gioni dello scandalo Escort e Berlusconi (quasi una sospensione del trattato Shenghen anche sull'informazione), il governo approva il DDL sicurezza che diventa legge. Grosse nuvole nere si addensano sui cieli d'Italia oscurando le libertà. Da quella d'informazione a quella di indagine, visto che si interviene in tema di "modifica della disciplina in materia di astensione del giudice e degli atti di indagine", mentre la clandestinità diventa reato e le ronde una preoccupante realtà.


Quando in un paese si cerca di spacciare per gossip un agire, volendo superare valutazioni etico-morali potenzialmente opinabili, che non configura pettegolezzo quanto fatti gravi, reali, che riguardano omissioni, falsità, uso privato di cose pubbliche, su cui indaga o ha indagato la magistratura, l'informazione cosa dovrebbe fare? Astenersi? Se fattori esterni come meeting internazionali, disastri naturali o vicende umane, dovessero divenire motivo sufficiente per invocare 'tregue' o finanche brevi 'vacanze' dell'informazione sui fatti, a cosa servirebbero giornalismo e giornalisti?


Il silenzio sui fatti è sempre una scelta, e porta (e comporta) responsabilità ed implicazioni. Il 14 luglio sarà allora una giornata di silenzio dell'informazione. Per scelta. Una giornata di sciopero e di 'silenzio' contro tutti i 'bavagli', di quegli operatori dell'informazione che ancora può e vuole definirsi tale. Lo scopo, come si legge in una nota della Federazione della stampa italiana, è quello di «contrastare la Proposta Alfano sulle intercettazioni che introduce inaccettabili divieti al diritto di informazione sulle indagini e sulle inchieste giudiziarie. Non si sciopererà quindi per un aumento di stipendio ma per un aumento della libertà nel nostro paese».

Ultimo aggiornamento ( giovedì 02 luglio 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB