spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 4 arrow Salute: se vi sono care le ossa attente alla cola
Salute: se vi sono care le ossa attente alla cola PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
luned́ 05 marzo 2007

ImageAlle ossa delle donne “fa male” la cola. Alle ossa degli uomini pare di no. Come per il tumore al polmone*, anche in questo caso conta la questione “del sesso”. Maschile o femminile. In medicina però quando si parla di “sesso” si intende la differenziazione biologica in senso stretto, definita da uno schema cromosomico che determina gli organi e le funzioni riproduttive.

Le bibite gassate a base di cola diminuiscono dunque nella donna la densità ossea, se consumate su base quotidiana. Lo afferma uno studio della Tuft University condotto su un campione di 2500 donne dell’età media di 60 anni.

Attraverso la MOC (l’esame della densità ossea) si è evidenziata nelle consumatrici regolari di cola, una densità inferiore del 4% rispetto a coloro che la consumano saltuariamente. Nessun effetto negativo invece sugli uomini. Lo stesso dato si riscontra poi con il consumo di tutte le versioni della bevanda, incluse quella decaffeinata e “light”.

Pare che la caffeina contenuta in queste bevande sia la prima responsabile dell'interferenza che limita l’assorbimento del calcio.

Il consiglio dei nutrizionisti? Se le bibite gassate contengono zucchero, e non tolgono quindi la sete, meglio un sano bicchiere di latte o bevande più nutrienti e di altro genere.

Sarà forse un caso, ma l’Assobibe (l’associazione di categoria dei distributori di bibite gassate) ha di recente adottato un codice di autoregolamentazione e non posiziona più distributori automatici nelle (nostre) scuole elementari.

(*) A questo riguardo studi hanno evidenziato nell’organismo maschile la presenza di un enzima che metabolizza i cancerogeni del tabacco assente invece nell’organismo femminile.

Ultimo aggiornamento ( luned́ 05 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB