spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2018 Settembre 2018 Ottobre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2
Settimana 37 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 38 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 39 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 40 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Brevi Italia arrow Razzismi arrow Razzisti di 'razza' nella calda estate italiana
Razzisti di 'razza' nella calda estate italiana PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
sabato 29 agosto 2009

ImageNoi siamo emigrati per lavorare, non per uccidere”. L'affermazione del leader leghista Umberto Bossi, davanti a pubblico e telecamere in occasione dell’anniversario della tragedia di Marcinelle* lascia di stucco! Il Senatur incappa nell'ennesimo tentativo volgare, maldestro e malriuscito, di fare un 'distinguo' tra l’immigrazione italiana del passato e quella che oggi vediamo  verso il nostro paese. Nonostante quanto affermato da Umberto Bossi, infatti, l’immigrazione italiana fu tanto controversa quanto dolorosa, ed ha scritto pagine di violenze, umiliazioni, sfruttamento e discriminazioni agite e subite. Nel paese che oggi cambia le regole per l’insegnamento,  e che sembra non imparare dalla ‘lezione’ della storia, il Signor Bossi con certe ‘equivalenze’ dimostra di aver perso, dal canto suo,  le 'lezioni' di buone maniere e di diplomazia.

*(8 agosto 1956, la miniera idi carbone in Belgio in cui morirono 262 lavoratori - 136 gli italiani)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB