spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Brevi Italia arrow Razzismi arrow Razzisti di 'razza' nella calda estate italiana
Razzisti di 'razza' nella calda estate italiana PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
sabato 29 agosto 2009

ImageNoi siamo emigrati per lavorare, non per uccidere”. L'affermazione del leader leghista Umberto Bossi, davanti a pubblico e telecamere in occasione dell’anniversario della tragedia di Marcinelle* lascia di stucco! Il Senatur incappa nell'ennesimo tentativo volgare, maldestro e malriuscito, di fare un 'distinguo' tra l’immigrazione italiana del passato e quella che oggi vediamo  verso il nostro paese. Nonostante quanto affermato da Umberto Bossi, infatti, l’immigrazione italiana fu tanto controversa quanto dolorosa, ed ha scritto pagine di violenze, umiliazioni, sfruttamento e discriminazioni agite e subite. Nel paese che oggi cambia le regole per l’insegnamento,  e che sembra non imparare dalla ‘lezione’ della storia, il Signor Bossi con certe ‘equivalenze’ dimostra di aver perso, dal canto suo,  le 'lezioni' di buone maniere e di diplomazia.

*(8 agosto 1956, la miniera idi carbone in Belgio in cui morirono 262 lavoratori - 136 gli italiani)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB