spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Democrazia paritaria arrow Pareri e Studi arrow Democrazia Paritaria - Doppia preferenza di Genere
Democrazia Paritaria - Doppia preferenza di Genere PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
martedì 29 settembre 2009

Image  Roma 29 -9-09 - Monica Cirinnà , consigliera comunale del PD a Roma, esponente della sparuta pattuglia di donne (3) elette in Campidoglio , è intervenuta con un comunicato stampa sulla questione preferenza unica o "doppia preferenza di genere" per le prossime elezioni regionali. La preferenza unica ha affermato "non risolve appieno il problema della rappresentanza femminile nelle istituzioni. Io sono la prova provata, infatti, che in liste con quasi il 50% di candidate, le donne con il sistema della preferenza unica non vengono elette, tant’è che sono l’unica donna all’interno del gruppo consiliare del Pd - che ha eletto 17 candidati. Monica Cirinnà ha proseguito invitando l'onorevole Saltamartini "a confrontarsi sulla proposta da me avanzata della doppia preferenza di genere da introdurre nelle prossime leggi elettorali regionali anche nel caso del mantenimento del listino” ha affermato Monica Cirinnà, consigliere del Pd in Campidoglio.

Monica Cirinnà ha proseguito invitando l'onorevole Saltamartini "a confrontarsi sulla proposta da me avanzata della doppia preferenza di genere da introdurre nelle prossime leggi elettorali regionali anche nel caso del mantenimento del listino”

“La doppia preferenza di genere consiste nell’introdurre la regola che in tutte quelle elezioni dove è possibile esprimere la preferenza (Municipio, Comune, Regione) essa potrà essere doppia solo nel caso in cui l'elettore scelga un uomo e una donna, contrariamente la preferenza rimarrà singola. Tale meccanismo eviterà così possibili eccezioni di costituzionalità poiché lascia totalmente libero l'elettore di esprimere la sua volontà.
Questa proposta, ovviamente non esaustiva del grande problema di rappresentanza di genere, può comunque essere un valido aiuto, insieme a quanto proposto dall’On. Saltamartini, per far sì che già dalle prossime elezioni regionali ci siano Consigli più rappresentativi della società” ha concluso la Cirinnà.
Ultimo aggiornamento ( martedì 29 settembre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB