spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Governo arrow Minzolini e Matteoli: non capire, la nuova frontiera dell'azione politica
Minzolini e Matteoli: non capire, la nuova frontiera dell'azione politica PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedì 05 ottobre 2009

Image
La frana
ROMA – Mentre a Messina la conta delle vittime di una tragedia annunciata da anni di incuria e speculazioni selvagge sul territorio sale a 25 morti e 34 dispersi, il ministro Altero Matteoli dichiara di non voler polemizzare col Capo dello stato Napolitano che chiede più sicurezza invece di "opere faraoniche", e si domanda cosa c'entri il Ponte di Messina del quale "non si è messa nemmeno la prima pietra" quindi come "imputare quanto accaduto al ponte di Messina?". Dopo il direttore del TG1 Minzolini, che non ha capito il perchè della manifestazione di sabato 3 ottobre a sostegno della libertà di stampa, anche il Ministro delle Infrastrutture non riesce a cogliere dati fondamentali e salienti che attengono alla propria professione.

E per rafforzare questo non capire, Matteoli precisa, intervenendo a La telefonata su Canale 5 questa mattina (fonte: La Repubblica), che se fossero già iniziate le opere collaterali alla realizzazione del ponte, date le "migliorie al territorio previste" forse "il disastro sarebbe stato inferiore". La domanda da porre al Ministro allora è: per un territorio già ferito da un disastro che solo fortunatamente non aveva fatto vittime due anni addietro, la messa in sicurezza va pensata solo in vista della costruzione del ponte? E se i lavori del ponte non partono, non è necessario provvedere? L'attenzione al territorio siciliano ed alla sua gente va collegata esclusivamente alla costruzione del ponte? Siamo noi a non capire come sia possibile che nemmeno davanti ad un numero così alto di vite perse e di vite che mancano all'appello, queste siano le uniche risposte che si riescono a dare. E mentre si rimane in attesa che il ministro si chiarisca e ci possa chiarire, a Messina ancora si scava nel fango per trovare i corpi di tutte le vittime...

Ultimo aggiornamento ( lunedì 05 ottobre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB