spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Discriminazioni arrow Stupro: L'Italia senza legge e senza vergogna
Stupro: L'Italia senza legge e senza vergogna PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
domenica 18 ottobre 2009

ImageROMA - Nelle ore in cui il paese cerca di rendersi presentabile all'Europa proponendo una democratica ora di religione islamica facoltativa nelle scuole, e nelle ore in cui le firme di adesione all'appello di Repubblica per sensibilizzare al rispetto della dignità delle donne raggiungono una quota vicina alle 100mila, il reato di stupro di gruppo agito da 8 cosiddetti "bravi ragazzi" ai danni di una sedicenne, viene di fatto sminuito nella sua gravità e minimizzato negli effetti (anche sulla vittima) da una sentenza del giudice del tribunale dei minorenni di Roma che decide che il processo sarà sospeso ed i violentatori per 2 anni e 4 mesi "messi in prova": il branco degli 8 violentatori, che non è mai stato in galera, ma a casa ai domiciliari, adesso sarà "affidato" ai servizi sociali affinchè questi accertino che i ragazzi siano effettivamente pentiti e dispiaciuti. Il tribunale, così agendo, si accorge, di fatto, di aprire la strada al chiaro segnale che i maschi (minorenni) che un giorno volessero divertirsi a stuprare una compagna di scuola, una amichetta o semplicemente una ragazza carina vista per strada, potranno farlo uscendone pressochè impuniti, perchè la legge lo consentirà loro a patto che recitino e sottoscrivano la formuletta della contrizione? Sollecitiamo urgentemente, ed a gran voce, una profonda riflessione della politica e delle istituzioni, affinchè reati come questo, avvenuto una sera di 2 anni fa in una pineta a Montalto di Castro, non siano fatti percepire al paese ed ai giovani che li commettono, come semplici episodi di leggerezza o piccoli errori di gioventù. Perchè lo stupro, per la donna che lo subisce, ha la stessa valenza e la stessa violenza di un omicidio, devasta il corpo e ti uccide l'anima, e sarebbe ora che lo riconoscesse anche la nostra società che si vanta (e speriamo non si millanta) grandemente civile e di forte tradizione cattolica.

Ultimo aggiornamento ( domenica 18 ottobre 2009 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB