spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 4 arrow Bertinotti e Casini salutano Al Khalifa
Bertinotti e Casini salutano Al Khalifa PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
luned́ 05 marzo 2007

Image“Al-Khalifa al vertice dell'Assemblea Generale dell'ONU non esprime solamente il compimento di un cammino di impegno e di successo, ma testimonia anche al massimo livello il percorso compiuto nell'ampliamento dei diritti delle donne e nella valorizzazione della presenza femminile in tutti gli ambiti dell'agire umano e ci ricorda, contemporaneamente, quanto resta da fare.”

Questo il saluto del Presidente della Camera dei deputati, Fausto Bertinotti, alla Presidente dell'Assemblea generale dell'ONU Sheikha Haya Rashed Al Khalifa, incontrata martedì 27 febbraio 2007 nella Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio per la conferenza sul tema "Verso una cultura dell'eguaglianza di genere nel XXI secolo".

Al saluto di Bertinotti segue quello quello di Pier Ferdinando Casini:

“L'incontro di oggi può aiutarci a raccogliere il filo delle tante iniziative messe in campo - sul piano internazionale, in particolare - per garantire alle donne quel ruolo attivo e di primo piano che spetta loro, contro le aberrazioni e le ingiustizie che ogni giorno milioni di donne vivono direttamente sulla propria pelle. Penso, in particolare, a tutte le violenze, fisiche e psicologiche, che esse subiscono nei conflitti armati; a terribili pratiche tradizionali, quali la mutilazione genitale femminile, agli assassini in nome dell'onore offeso, alle violenze domestiche, alla scarsa tutela sanitaria. Ma penso, ancora, ai pregiudizi culturali, giuridici, sociali, economici e politici che impediscono alle donne di accedere al mondo dell'istruzione, del lavoro, dei diritti civili e della rappresentanza politica. Dobbiamo allora chiederci: perché tanta resistenza? E soprattutto, cosa fare per abbattere le frontiere dell'apartheid di genere?”

Ultimo aggiornamento ( luned́ 05 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB