spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2018 Novembre 2018 Dicembre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 45 1 2 3 4
Settimana 46 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 47 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 48 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 49 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Informazioni e notizie arrow Immigrazione : per i soggiorni brevi il permesso non serve più.
Immigrazione : per i soggiorni brevi il permesso non serve più. PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
lunedì 05 marzo 2007
ImageA partire dal 16 febbraio il Governo ha corretto l’obbligo previsto dall’articolo 5 della legge Bossi-Fini. In Italia, per i soggiorni di breve durata, non si deve più chiedere un permesso di soggiorno……

Sarà sufficiente una dichiarazione alla frontiera. L’Italia era l’unico paese dell’UE in cui era obbligatorio chiedere un permesso di soggiorno anche per periodi brevi, ad esempio per turismo o affari. La misura aveva suscitato le proteste degli ambasciatori di diversi paesi e da ultimo anche l’UE aveva avviato contro l’Italia la “procedura d’infrazione” per il ritardo nell’adeguarsi alle norme europee in base alle quali, per i soggiorni di tre mesi, non serve alcun permesso. Gli stranieri, dovranno al momento dell’ingresso in Italia , dichiarare la propria presenza all’ufficio di polizia di frontiera , oppure entro otto giorni all’ufficio del questore della provincia in sui si trova.

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 14 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB