spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 85 arrow Diritto alla giustizia e diritto all段nformazione
Diritto alla giustizia e diritto all段nformazione PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
luned 30 aprile 2007

ImageLa tutela della privacy e della riservatezza dei boss mafiosi, quando parlano con esponenti del clero e della politica, confligge con il diritto alla giustizia di ogni persona onesta. La riservatezza è un diritto e una libertà solo se non confligge e non lede i diritti e le libertà degli altri . Quello che Zygmunt Bauman, riferendosi alla situazione dell’informazione in Italia, ha definito "l’Incessante smantellamento, mattone dopo mattone, di tutte le credenziali democratiche , da parte del governo, mentre il resto della popolazione resta seraficamente a guardare," dovrebbe farci riflettere e portare ad iniziative adeguate al pericolo! Diritto all’informazione di base, diritto all’informazione dettagliata, certezza che l’informazione sia corretta è un diritto in vigore in tutte le democrazie. Ed è un diritto annullato in Italia!

Le ragioni che hanno portato Santoro ad abbandonare la Rai , le dimissioni forzate dopo prepotenze e soprusi noti, le dimissioni dalla conduzione del TG1 della giornalista Maria Luisa Busi, le minacce di far sparire trasmissioni come “Che tempo che fa”, “Parla con me” , “Report”, possono ancora essere sottovalutate o taciute dopo quello che abbiamo visto accadere in passato a Enzo Biagi? Sabina Guzzanti? Luttazzi? Santoro?

Se lo IOR , Istituto per le Opere di Religione, ovvero la Banca del Vaticano ospita conti correnti occulti di faccendieri e mafiosi, debbo o non debbo saperlo? Se Propaganda Fide, con gli appartamenti ricevuti in lascito, invece di fare beneficienza e aiutare i più poveri, lucra cospicui affitti a Roma e non paga una lira di tasse, devo o non devo saperlo? Se i cardinali coprono i reati di pedofili, devo o non devo saperlo? Se un appalto per il G8 alla Maddalena, affidato dal sottosegretario Bertolaso, che doveva costare ai cittadini 52 milioni di €uro è invece costato - a noi tutti – il doppio , ovvero 104milioni, devo o non devo saperlo?
 
E se il direttore del TG1 Augusto Minzolini, che vive in un appartamento di Propaganda Fide e deve il suo gradimento al presidente del Consiglio, e non alla redazione, per giorni e settimane non parla di argomenti così rilevanti, già sulle prime pagine dei giornali, tutela la sua privacy, quella del clero che gli ha affittato la casa, quella degli amici del premier , o piuttosto viola platealmente il nostro diritto all’informazione ?
Ultimo aggiornamento ( domenica 23 maggio 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB