spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Democrazia paritaria arrow Proposte di legge arrow Al Senato mozione PD per una corretta immagine delle donne
Al Senato mozione PD per una corretta immagine delle donne PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
martedì 29 dicembre 2009

Image(ASCA) - Roma, 18 dicembre - “Impegnare il governo ad assumere iniziative perché il sistema radiotelevisivo pubblico svolga un’opera di sensibilizzazione al rispetto della diversità di genere e della dignità delle donne e perché nelle scuole siano avviate campagne di informazione per aiutare i giovani a difendersi dagli stereotipi di genere”. È questo lo scopo principale di una mozione sul rapporto tra donne e media presentata dal gruppo del Pd al Senato, di cui è prima firmataria Vittoria Franco e che è stata sottoscritta dalla presidente Anna Finocchiaro, dai vicepresidenti Luigi Zanda, Nicola Latorre e Felice Casson e da tutti i senatori democratici.

La mozione richiama un analogo documento approvato all’unanimità dall’Aula del Senato il 13 settembre 2009 .. “A causa della mancata attuazione degli impegni presi da parte del governo in quell'occasione -scrivono i senatori e le senatrici del Pd - si ritiene necessario portare all’attenzione di questa Assemblea un’altra mozione, considerato che non solo dalla prima mozione nulla è cambiato, ma sicuramente la situazione del rapporto tra la figura ed il ruolo delle donne nella realtà a causa della rappresentazione distorta che ne fanno i media è senza alcun dubbio degenerata.


La grande visibilità e, purtroppo non di rado - prosegue la mozione - il miraggio di successo e di guadagni economici che le giovani donne acquistano solo grazie a qualche apparizione televisiva, hanno portato inevitabilmente alla convinzione (errata) che cultura, talento, impegno non siano assolutamente requisiti necessari per ricoprire ruoli anche importanti. Risultato della diffusione deteriore di una certa immagine della donna è l’idea che sia sufficiente apparire per essere, per esistere, per dare un senso alla propria vita, come dimostrano le ricerche più recenti riportate nella presente mozione.


Spesso, come dimostra il recente video presentato da Lorella Zanardo, dal titolo esemplificativo "Il corpo delle donne" le immagini e le modalità con le quali le donne vengono rappresentate sono lesive della loro dignità”. “Sia il Comitato di autoregolamentazione Tv e minori -scrivono senatrici e senatori- che la commissione di Vigilanza Rai hanno spesso denunciato questa situazione raccomandando di correggere il tiro. Né la situazione nella carta stampata appare molto diversa. Tutte le espressioni di discriminazione e di svalutazione della figura femminile sono tanto più gravi in quanto hanno un impatto negativo sulla promozione delle donne nel lavoro e nella carriera. Per questo chiediamo al governo di intervenire sul sistema radiotelevisivo pubblico per una corretta rappresentazione della figura e del ruolo delle donne e per la rimozione di espressioni di discriminazione e degli stereotipi lesivi della dignità delle donne.


Chiediamo di promuovere campagne di informazione e di sensibilizzazione nelle scuole, in particolare la secondaria, per aiutare i giovani a difendersi dai messaggi discriminatori nei confronti delle donne e per evitare così il perpetuarsi di stereotipi che danneggiano le donne e il ruolo femminile nella società.


Chiediamo di promuovere l’acquisizione di poteri e di responsabilità da parte delle donne (empowerment) in tutti i settori della vita produttiva e sociale, in particolare nell’ambito dei media, con azioni antidiscriminatorie mirate, per il reale accesso delle donne alle posizioni dirigenziali nel sistema radiotelevisivo pubblico al fine di favorire la presenza femminile nelle posizioni apicali delle testate giornalistiche televisive pubbliche, e, più in generale, del sistema radiotelevisivo pubblico, in modo da incidere sulle scelte editoriali e di palinsesto e quindi sull’immagine complessiva delle donne offerta dalla televisione pubblica”.

 

 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB