spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow La battaglia di civiltà degli Englaro
La battaglia di civiltà degli Englaro PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
martedì 09 febbraio 2010

ImageROMA - Il 9 febbraio 2009, dopo anni di coma vegetativo, moriva Eluana Englaro. La "fine di un incubo", "perché avevamo un componente della famiglia in balìa di mani altrui, contro la sua volontà". Parole ed un sentire che non devono per nessun motivo essere strumentalizzate: oggi è necessaria una legge che regoli il fine-vita, come chiede anche Beppino Englaro. E la battaglia di civiltà continua. Con un ampio consenso, stando ai dati Eurispes: favorevole all'eutanasia il 67,4% degli italiani, mentre '81,4%, dice sì a una legge sul biotestamento. Perché la gente ha "capito il senso dei diritti individuali di libertà delle persone" dichiara Englaro, "convinto che molti si siano resi conto del prezzo che abbiamo pagato". Mai più situazioni come quella di Eluana: se di diritto alla vita si deve parlare, che non sia "il potere di disporre di un'altra vita com'è avvenuto per Eluana. Il miglior modo di tutelare la vita in tutte le situazioni è affidarne le decisioni a chi la vive. Sia a chi è in condizioni di intendere e volere, sia a chi non è più capace, ma ha spiegato che cosa avrebbe voluto per sé."

Ultimo aggiornamento ( martedì 09 febbraio 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB