spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




IRAN: diritti umani violati PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
lunedì 15 febbraio 2010

ImageDIRITTI - L'Iran di Ahmadinejad, dalle elezioni del 12 giugno 2009 che lo confermano alla presidenze, diventa un paese in rivolta. La repressione è violenta e senza precedenti. Secondo Amnesty International il rapporto presentato a febbraio 2010 dal governo iraniano al Consiglio Onu dei diritti umani, in occasione dell'Esame periodico universale, fornisce un quadro falso della situazione: seppure l'Iran sostiene che è vietato estorcere "confessioni con la tortura", che il sistema giudiziario è indipendente e che non vi è alcuna forma di discriminazione nei confronti delle donne, la realtà è fatta di arresti e carcerazioni di massa, pestaggi nei confronti di manifestanti pacifici, torture e decessi in prigione, esecuzioni per reati politici, messa al bando delle istituzioni straniere, compresi mezzi di informazione ed organizzazioni per i diritti umani. Le donne sono escluse da ogni carica pubblica di responsabilità, la loro testimonianza in tribunale vale la metà di quella di un uomo e, in caso di ferimento o morte, il risarcimento è dimezzato rispetto a quello previsto per un uomo.

Amnesty International promuove a febbraio attività ed incontri per informare il pubblico e chiedere il rispetto dei diritti umani alle autorità iraniane: occorre rilasciare immediatamente tutte le donne e gli uomini arrestati solo per aver manifestato pacificamente, e rispettare i diritti alla libertà di espressione e di associazione. Solo per citare alcuni nomi: Somayeh Rashidi, 24 anni ,studentessa e attivista per i diritti delle donne. Leily Afshar 29 anni, fotografa. Lily Farhadpour, 47 anni, giornalista ed esponente dell'Ong Madri per la pace.


La morsa repressiva si è stretta in dicembre 2009 con arresti di diverse occasioni: la giornata nazionale dello studente (7 dicembre); il funerale dell'Ayatollah Hosseinali Montazeri (20 dicembre); le commemorazioni religiose dell'Ashura (27 dicembre). A gennaio, le autorità hanno tentato di isolare i cittadini iraniani dal resto del mondo, bandendo 60 istituzioni straniere, compresi mezzi di informazione e organizzazioni per i diritti umani. Sono proseguiti gli arresti nei confronti di 33 donne, appartenenti al gruppo delle Madri in lutto, e alcuni giornalisti. Sono state eseguite le prime due condanne a morte e nove persone sono in attesa di esecuzione.

 

Ultimo aggiornamento ( lunedì 15 febbraio 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB