spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Giugno 2019 Luglio 2019 Agosto 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 27 1 2 3 4 5 6 7
Settimana 28 8 9 10 11 12 13 14
Settimana 29 15 16 17 18 19 20 21
Settimana 30 22 23 24 25 26 27 28
Settimana 31 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Lavoro&pari opportunità arrow Lavoro arrow Le aziende italiane sempre meno italiane
Le aziende italiane sempre meno italiane PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
giovedì 18 febbraio 2010

ImageLAVORO - La OMSA, nota produttrice di calze del gruppo Golden Lady, chiude lo stabilimento italiano a Faenza. Come spesso accade nel settore tessile, ad andare a casa sono sopratutto le donne:  350 persone impiegate, e quasi tutte sono lavoratrici. La produzione è stata spostata in Serbia. Delocalizzazione, dove la mano d’opera costa 300 euro al mese e le tutele sindacali sono pressoché inesistenti. Sebbene OMSA sia stata toccata poco dalla crisi, Nerino Grassi, imprenditore a capo del gruppo Golden Lady, ha deciso di trasferire la produzione in Serbia e di mantenere l’Italia solo come magazzino. Dallo scorso 11 gennaio, giorno in cui è stata annunciata la cassa integrazione a zero ore e la prossima chiusura della fabbrica, le dipendenti dell’azienda hanno formato un presidio stabile, 24 ore su 24, davanti ai cancelli di ingresso, per assicurarsi che niente venga portato fuori dallo stabilimento. Leggi l'approfondimento.

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB