spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica Italiana arrow Elezioni: le candidate che piacciono
Elezioni: le candidate che piacciono PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
lunedì 01 marzo 2010

Image
Edda Billi
ROMA - C'è una candidatura che riconosce il valore delle pratiche e delle politiche delle donne. E' a sostegno di Emma Bonino, ed a nostro avviso rappresenta un riconoscimento per tutte le donne che in questi anni si sono sempre battute affinché il valore e la forza delle donne venissero riconosciuti e mai messi all'angolo. Senza le donne non c'è democrazia. Senza le donne non c'è sviluppo economico. Ma le donne non sono tutte uguali, e solo quando hai consapevolezza del tuo valore, diventi un valore per tutti. Power & Gender appoggia la candidatura di EDDA BILLI, una donna che al progetto di essere donna "in un mondo che ci aveva cancellate" ha dedicato e dedica tutta se stessa. "C'è bisogno di cose semplici ma che parlino delle nostre vite".

La lettera di EDDA BILLI

"Nasco femminista, negli anni Settanta, nel collettivo Romano di via Pompeo Magno.

Prima vagavo, smarrita, nei territori della sinistra.

E' con questo collettivo che portai eroicamente nei mercati, nelle fabbriche, negli ospedali, nelle strade, istanze, bisogni, desideri, rivendicando il nostro essere donne in un mondo che ci aveva cancellate.

Finalmente esistevo per me, non interpretata da altri

E nello scambio di conoscenze i corpi diventati intelligenti scoprivano che il personale è politico in un mondo fatto anche a nostra misura.

Meravigliosa sensazione di libertà. Persino quella di dirmi lesbica. E nel dirlo corre tuttora un brivido lungo la schiena.

E' in quegli anni e da quel movimento di donne che nasce il grande ed ambizioso progetto di dare vita ad un laboratorio di pratiche politiche: la Casa Internazionale delle Donne, esperimento in progress di democrazia partecipativa.

A questo progetto così come a tutto ciò che esso simboleggia, ho dedicato e dedico la mia vita, perchè nessuna conquista è data per sempre. E vigilare a che la democrazia sia rispettata è un dovere di tutte e di tutti noi.

C'è bisogno oggi più che mai di lavoro, di attenzione ai bisogni, di sostegno civile, di cura. C'è bisogno di cose semplici ma che parlino delle nostre vite: asili nido, consultori, pensioni dignitose.

Molte volte ho avuto a fianco Emma Bonino e oggi su questo terreno la incontro ancora una volta. La sua scelta di proporsi alla Presidenza della Regione Lazio mi ha convinta a candidarmi con lei.

Di Emma mi fido, sto con lei.

E con tutte e tutti voi."

 

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB