spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Brevi Italia arrow Arte, Libri, Cultura arrow Arte femminile: un occhio diverso dal solito
Arte femminile: un occhio diverso dal solito PDF Stampa E-mail
Scritto da Francesca Moretti   
venerdì 23 aprile 2010

ImageROMA – Nella capitale in questi giorni presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, in collaborazione con la Sammlung Verbund di Vienna è in esposizione, fino al 16 maggio 2010, una mostra davvero interessante intitolata Donna - Avanguardia Femminista Negli Anni 70. L’esposizione curata da Gabriele Schor e Angelandreina Rorro, è costituita da 200 opere di 16 artiste* che in molti modi si sono rese protagoniste di questo movimento. Le tecniche utilizzate sono la fotografia, la performance, i film e i video. La pittura è bandita in quanto ancora simbolo dell’espressività del mondo maschile. Al centro di tutta la mostra ovviamente la Donna. In con le sue sfaccettature, con le sue rappresentazioni e le sue battaglie. (VIDEO)

Il tutto, in certi casi permeato da una certa autoreferenzialità, a tratti da la sensazione che solo un occhio femminile possa coglierne la portata artistica. La bellezza di alcune opere è data dalla soggiacente ironia. Come nel video della Rosler, Semiotics of the Kitchen, dove l’artista seduta dietro un tavolo in cucina mostra allo spettatore vari utensili. Li elenca in ordine alfabetico, ne mostra l’utilizzo, ma questa dimostrazione è caratterizzata da gesti violenti, quasi a voler sottolineare l’ostilità di quell’ambiente e la rabbia e frustrazione che ne deriva. Anche la Jurgenssen lotta contro gli stereotipi rileggendo con la sua opera Hausfauen-Kuchenschurze l’ambiente domestico in chiave provocatoria.


In questa mostra ritorna più volte il tema della maschera, del travestimento. Come non sottolineare ad esempio il Portfolio of Models di Martha Wilson in cui l’artista interpreta varie caricature, con commenti esplicativi di vari “tipi ideali” di donne: casalinga, lavoratrice, professionista, dea, lesbica? Ci sono poi alcuni lavori della Woodman, artista che ha vissuto la sua breve carriera tra l’America e l’Italia, che hanno come tema di fondo la percezione del sé attraverso il proprio corpo nudo. Anche qui però, in un certo senso, si riafferma il tema della maschera: con l’opera Untitled(Face), il volto nascosto serve per nascondere la propria identità di genere.


Interessante anche il lavoro della turca Nil Yalter che, ad esempio, in La Fenne sans Tete affronta la tematica delle umiliazioni sessuali cui la donna è sottoposta nella cultura mussulmana. Ed infine importante rilevare anche l’opera di Valie Export e di Ana Medieta. La prima con alcuni esperimenti sottolinea come nella società neanche la sessualità è vissuta in maniera paritaria (Tapp- und Tast-Kino). Notevoli però sono anche le fotografie in cui una la stessa Valie Export prende le forme della città evidenziando come anche gli spazi in cui viviamo rimandano al mondo maschile al quale la donna si deve adattare. Ana Medieta (artista Cubana), invece, grazie alla propria storia personale riesce a dar vita all’Earth Body in cui l’artista si confonde con la natura in un'unione armonica.


Una mostra davvero interessante e coinvolgente, dove, di certo, gli spunti di riflessone non mancano. Ma soprattutto interessante per capire come certi stati delle donne vengono esposti attraverso l’Arte, di solito strumento nelle mani maschili, in modo non banale e veritiero.

*(Helena Almeida, Eleanor Antin, Renate Bertlmann, Valie Export, Birgit Jürgenssen, Ketty La Rocca, Suzanne Lacy / Leslie Labowitz, Suzy Lake, Ana Mendieta, Martha Rosler, Cindy Sherman, Annegret Soltau, Hannah Wilke, Francesca Woodman, Nil Yalter).

 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 23 aprile 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB