spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Marzo 2020 Aprile 2020 Maggio 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 14 1 2 3 4 5
Settimana 15 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 16 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 17 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 18 27 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Tratta e Sfruttamento arrow TRATTA – Nigeriane: 25mila vittime in Italia
TRATTA – Nigeriane: 25mila vittime in Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
giovedì 06 maggio 2010

ImageROMA – Tra le donne costrette alla prostituzione sulle strade del bel paese, molte sono nigeriane. Tra loro moltissime le minorenni. Una su dieci. Il dato emerge da una indagine dell’associazione Parsec, realizzata in collaborazione con Unicri e il ministero degli Affari esteri. Sciacchitano (Dna): “Una donna segue la stessa strada di un pacco di cocaina”. Le vittime della tratta sono "in particolare donne e minori, che costituiscono un gruppo particolarmente vulnerabile. Sono in gran parte giovani donne e ragazze minori costrette all’esercizio della prostituzione forzata o ad altre forme di sfruttamento sessuale. Grave violazione dei diritti umani, la tratta continua a coinvolgere molti Paesi del mondo, come Paesi di origine, di transito o di destinazione. Il fenomeno è stato attivamente contrastato con diversi strumenti a livello nazionale ed internazionale. Tuttavia, i gruppi criminali organizzati adeguano rapidamente le loro dinamiche di rete e la tratta continua a garantire ingenti proventi economici. L’Italia, come Paese di destinazione, ma anche di transito, si trova ad un crocevia di rotte della tratta da est a ovest e da sud a nord."

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB