spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 89 arrow Le elezioni siciliane
Le elezioni siciliane PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
giovedý 01 novembre 2012

 

ImageIl voto di domenica 28 ottobre , per l'elezione dei 90 componenti dell'Assemblea Regionale Siciliana ha suscitato sorpresa e commenti per tre motivi soprattutto : la scarsa partecipazione al voto: appena il 47,4% degli aventi diritto. (Nel 2008 quando si votò anche di lunedì, in concomitanza con le politiche, l’affluenza era stata del 66,68%.e anche in precedenti consultazioni limitate alla sola domenica, si erano sempre registrate percentuali di votanti nettamente superiori al 50%, come nel 2001, quando votò il 63,47% ); l’alto gradimento verso il Movimento 5 Stelle, che diventa il primo “partito” per numero di voti; la scelta di un governatore con un passato chiaramente antimafia, gay, di provenienza “comunista”.

Ma c’è un quarto motivo di novità in questa elezione sorprendente: l’elezione diretta di 10 donne ( 8 piu 2  a seguito della opzione di Cancelleri)  che raccolgono il consenso e i voti dell’elettorato. A questa notizia strabiliante .  deve aggiungersi la proposta del Governatore Crocetta di altre quattro donne nel listino del governatore , il 50% del totale. In un’assemblea siciliana caratterizzata da sempre dall’assenza di donne, basti ricordare che tra il 1947 e il 2012 cioè per un periodo di 65 anni , sono state elette appena 17 donne , averne oggi con compiti di direzione ben 14 su 90 rappresenta un avvenimento straordinario e un grandissimo balzo in avanti.

 

Le elezioni siciliane si sono svolte con le vecchie norme: niente doppia preferenza di genere; niente presenza in lista del 50% di candidate e del 50% di candidati. Le donne, candidate in 20 differenti liste, sono state 495 ; gli uomini 844, per complessivi 1339 candidati/e.

Dal Movimento 5 stelle sono state elette 6 donne ( 4 più 2) su un totale di 15 deputati/e: Angela Foti a Catania, Valentina Zafarana a Messina; Claudia La Rocca a Palermo e Vanessa Ferreri a Ragusa. e Gianina Ciaccio a Catania e Valentina Palmeri a Trapani subentrate a  seguito dell'opzione esercitata da Cancelleri , eletto in tre differenti circoscrizioni .

2 , su 5 deputati totali, sono state elette per la lista Grande Sud: Annunziata Lanteri a Enna e Bernadette Grasso a Messina ; La lista Cantieri popolari ha eletto 3 uomini e 1 donna: Sudano Valeria a Catania; il PD che ha nel suo statuto e nel programma la scelta della democrazia paritari e della rappresentanza di genere ha eletto 1 donna e 13 uomini :Raia Concetta a Catania.

Tra i vari partiti spiccano per misoginia : il PDL 12 eletti tutti uomini; l’UDC 11 eletti uomini; il MPA di Raffaele Lombardo 10 uomini su 10. Il movimento per Crocetta elegge 5 uomini , e la lista Musumeci presidente 4.

Vedi tutti i risultati.

Ultimo aggiornamento ( sabato 03 novembre 2012 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB