spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 89 arrow Le elezioni siciliane
Le elezioni siciliane PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
giovedý 01 novembre 2012

 

ImageIl voto di domenica 28 ottobre , per l'elezione dei 90 componenti dell'Assemblea Regionale Siciliana ha suscitato sorpresa e commenti per tre motivi soprattutto : la scarsa partecipazione al voto: appena il 47,4% degli aventi diritto. (Nel 2008 quando si votò anche di lunedì, in concomitanza con le politiche, l’affluenza era stata del 66,68%.e anche in precedenti consultazioni limitate alla sola domenica, si erano sempre registrate percentuali di votanti nettamente superiori al 50%, come nel 2001, quando votò il 63,47% ); l’alto gradimento verso il Movimento 5 Stelle, che diventa il primo “partito” per numero di voti; la scelta di un governatore con un passato chiaramente antimafia, gay, di provenienza “comunista”.

Ma c’è un quarto motivo di novità in questa elezione sorprendente: l’elezione diretta di 10 donne ( 8 piu 2  a seguito della opzione di Cancelleri)  che raccolgono il consenso e i voti dell’elettorato. A questa notizia strabiliante .  deve aggiungersi la proposta del Governatore Crocetta di altre quattro donne nel listino del governatore , il 50% del totale. In un’assemblea siciliana caratterizzata da sempre dall’assenza di donne, basti ricordare che tra il 1947 e il 2012 cioè per un periodo di 65 anni , sono state elette appena 17 donne , averne oggi con compiti di direzione ben 14 su 90 rappresenta un avvenimento straordinario e un grandissimo balzo in avanti.

 

Le elezioni siciliane si sono svolte con le vecchie norme: niente doppia preferenza di genere; niente presenza in lista del 50% di candidate e del 50% di candidati. Le donne, candidate in 20 differenti liste, sono state 495 ; gli uomini 844, per complessivi 1339 candidati/e.

Dal Movimento 5 stelle sono state elette 6 donne ( 4 più 2) su un totale di 15 deputati/e: Angela Foti a Catania, Valentina Zafarana a Messina; Claudia La Rocca a Palermo e Vanessa Ferreri a Ragusa. e Gianina Ciaccio a Catania e Valentina Palmeri a Trapani subentrate a  seguito dell'opzione esercitata da Cancelleri , eletto in tre differenti circoscrizioni .

2 , su 5 deputati totali, sono state elette per la lista Grande Sud: Annunziata Lanteri a Enna e Bernadette Grasso a Messina ; La lista Cantieri popolari ha eletto 3 uomini e 1 donna: Sudano Valeria a Catania; il PD che ha nel suo statuto e nel programma la scelta della democrazia paritari e della rappresentanza di genere ha eletto 1 donna e 13 uomini :Raia Concetta a Catania.

Tra i vari partiti spiccano per misoginia : il PDL 12 eletti tutti uomini; l’UDC 11 eletti uomini; il MPA di Raffaele Lombardo 10 uomini su 10. Il movimento per Crocetta elegge 5 uomini , e la lista Musumeci presidente 4.

Vedi tutti i risultati.

Ultimo aggiornamento ( sabato 03 novembre 2012 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB