spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Lavoro&pari opportunità arrow Lavoro arrow Colf: per il Censis è donna, giovane, immigrata e sottopagata
Colf: per il Censis è donna, giovane, immigrata e sottopagata PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 14 luglio 2010

ImageLAVORO di CURA - Poche tutele, mancanza di prevenzione e aumento del sommerso: i rischi sul lavoro non risparmiano neanche quanti svolgono le proprie mansioni all'interno delle mura domestiche. Solo nel 2008 sono stati registrati 3.576 infortuni (dati Inail) tra i lavoratori in casa, di cui due mortali. Le cifre sono state rese note a Roma dal direttore generale del Censis, durante la presentazione della ricerca "Dare casa alla sicurezza, rischi e prevenzione dei lavoratori domestici", realizzata con il contributo del ministero del Welfare. Secondo l'indagine il lavoro di cura in Italia coinvolge un "esercito" formato da 1,5 milioni di persone, a cui si rivolgono oltre due milioni di famiglie italiane (una su dieci). Una vera e propria "spina dorsale del welfare fai da te"  il cui sostegno è indispensabile a fronte di una popolazione che invecchia.


Ecco l'identikit che emerge dal rapporto del Censis: donna, giovane e immigrata. In prevalenza infatti il lavoro di badanti e colf è svolto da donne (82,6%) e da stranieri (71,6%). Il 51,4% ha meno di 40 anni. Il livello di istruzione di colf e badanti straniere è più alto delle loro colleghe italiane: il 37,6% possiede un diploma di scuola superiore e il 6,8% una laurea, contro rispettivamente il 23,2% e il 2,5% dei collaboratori domestici italiani. La maggioranza (55,4%) lavora per una sola famiglia, mentre il 44,6% è "pluricommittente". In media, l'anzianità di servizio si aggira intorno ai 7 anni. La media della paga mensile: 900 euro netti.


Dato che poco meno della metà dei lavoratori domestici sono regolarmente iscritti ai registri dell'Inps (il 62% di colf e badanti lavora ''in nero'' o con ''un'evasione contributiva parziale'') si va ad indebolire ulteriormente, dal punto di vista del futuro reddito da pensione, la posizione già debole di  queste lavoratrici. "Sebbene la regolarizzazione del settembre 2009 abbia fatto emergere circa 300mila lavoratori sommersi", si legge nella ricerca del Censis, "il 39,8% degli intervistati dichiara di essere totalmente irregolare e  il 22% si districa in una giungla fatta di rapporti a volte regolari, altre volte no,  o rispetto ai quali vengono versati contributi per un orario inferiore a quello di lavoro". Su 100 ore lavorate sono solo 42, 4 quelle per cui vengono effettivamente versati i contributi. Sei ore di lavoro su dieci sono quindi sottratte a qualsiasi forma di copertura previdenziale.

(Fonte: Superabile)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB