spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Brevi Italia arrow Arte, Libri, Cultura arrow Donne e diritti: una battaglia di libertà da non perdere
Donne e diritti: una battaglia di libertà da non perdere PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerdì 13 agosto 2010

ImageSOTTO L'OMBRELLONE - Per le letture d'agosto, segnaliamo il libro ‘Care ragazze. Un promemoria’. Edito da Donzelli, è uno di quei libri impegnati ma di ma di sicuro trasporto, che consigliamo sotto l'ombrellone, per guardare lontano. Scritto da Vittoria Franco, senatrice del Pd, docente di storia della filosofia alla Normale di Pisa, a lungo responsabile Pari Opportunità per i democratici, è rivolto a quelle donne giovani e giovanissime, che delle lotte per i diritti delle donne combattute delle loro madri o sorelle più grandi sembrano non avere consapevolezza, o aver perso memoria.“I diritti delle donne non sono dati ‘per natura’, ma sono il frutto delle lotte di diverse generazioni. E si possono anche perdere”. E per chi non avesse voglia di leggere, QUI UN VIDEO.

E’ per le giovani donne che si affacciano al futuro, cercando magari di capire perchè quello che dovrebbe essere un percorso naturale sia invece così difficile, che Vittoria Franco stila un promemoria delle libertà femminili conquistate dalla sua generazione per renderle più attuali e presenti a chi a quelle lotte non ha partecipato.


Mi sono convinta che occorresse fare qualcosa alla vigilia delle elezioni europee del 2009 - scrive Vittoria Franco - Cosa era successo? Era successo che la destra si apprestava a candidare per la massima istituzione europea, il Parlamento, donne selezionate in base a criteri che con la competenza politica non avevano niente a che fare: la bellezza estetica, la vicinanza al capo, lo scambio di favori sessuali, la partecipazione come veline a programmi televisivi. (…) Cosa aveva a che fare tutto questo ‘ciarpame’ con la dignità e l’autorevolezza femminile? Potevamo consentire che ciò accadesse senza riprendere la parola?”.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 13 agosto 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB