spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2018 Settembre 2018 Ottobre 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2
Settimana 37 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 38 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 39 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 40 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Pena di morte arrow Sakineh è viva ma resta in pericolo
Sakineh è viva ma resta in pericolo PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 03 novembre 2010

ImageROMA - Il Comitato internazionale contro le esecuzioni riferisce che Sakineh non è stata giustiziata ma resta in pericolo. Il governo iraniano accusa l'occidente di strumentalizzare la vicenda. Il Ministro degli Esteri francese ha "parlato con Mottaki, ancora non c'è verdetto". Sakineh dunque non è stata giustiziata, come si temeva, ma resta in pericolo. Lo riferisce la portavoce del comitato internazionale contro le esecuzioni, Mina Ahadi, secondo cui le pressioni dei governi occidentali sul regime di Teheran hanno contribuito alla decisione. L'attivista per i diritti umani, in esilio in Germania, ha spiegato al telefono che è ormai trascorso l'orario per le impiccagioni in Iran, "ma l'esecuzione è stata rinviata, non annullata, e potrebbe ancora portata a termine in qualsiasi giorno". Secondo fonti iraniane, infatti, il nome della donna si trova su una lista di persone da giustiziare nei prossimi giorni stilata dalla Corte suprema iraniana. La comunicazione sarebbe già arrivata al carcere di Tabriz, nel nord dell'Iraq, dove è rinchiusa Sakineh. Leggi l'articolo de La Repubblica.it

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB