spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow Eutanasia: liberi di scegliere!
Eutanasia: liberi di scegliere! PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
giovedì 11 novembre 2010

EUTANASIA - (Da MicroMega) - «Riappropriarsi della parola 'eutanasia, tabù per la politica e dimenticata' anche se 'vicina al vissuto delle persone', e chiedere 'semplicemente il rispetto delle scelte individuali'. Questo il senso dello spot-pro Eutanasia creato dall'associazione Exit international, (VIDEO)bloccato dall'autorità per le comunicazioni australiane e ora rilanciato in Italia dall'Associazione Luca Coscioni e dal Partito Radicale. 'E' uno spot molto rispettoso e molto dignitoso - dice Marco Cappato, segretario dell'associazione Coscioni - in cui un malato terminale racconta la sua esperienza e chiede al governo che sia rispettata la sua scelta'. Scelta che è 'non di una morte 'buona' o 'dolce', ma di una morte 'opportuna', quando si sente che le condizioni di vita non sono più sostenibili'. Eutanasia, aggiunge, 'non è una parola che le persone legano a questa o quella forma giuridica, ma che è vicina al loro vissuto'. Mentre la politica 'ha bisogno di giocare con le parole, riempiendo il tema di formalismi, facendo distinzioni da clerici del diritto su quello che è o non è terapia. Così si possono interrompere le terapie ma non si può chiedere un'iniezione letale, anche se il risultato è lo stesso'. Pur continuando a 'batterci in Parlamento perché escano leggi 'meno peggiori' possibile - conclude Cappato - ora vogliamo riprendere la bandiera di questa parola, che per noi è parte integrante del diritto alla salute, come tutte le scelte sul fine vita, e poi vedere quello che succede'. Lo spot, intanto, sarà anche 'una raccolta fondi per pianificare una vera e propria campagna nazionale a partire da gennaio, contando sul sostegno delle tv locali, come Telelombardia, che già hanno aiutato all'epoca del caso Welby.»

Ultimo aggiornamento ( giovedì 11 novembre 2010 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB