spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2018 Dicembre 2018 Gennaio 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 49 1 2
Settimana 50 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 51 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 52 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 1 24 25 26 27 28 29 30
Settimana 54 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Donne nel mondo arrow Fermare lo stupro collettivo in Sudafrica
Fermare lo stupro collettivo in Sudafrica PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
martedì 15 marzo 2011

ImageSUDAFRICA - Lo stupro correttivo, l'orrenda pratica di stupro delle lesbiche nel tentativo di “curare” la loro omosessualità, sta diventando una vera e propria emergenza in Sud Africa. Gli attivisti sul campo stanno rischiando la loro vita per fermare questo crimine brutale. Un grido pubblico potrebbe costringere il governo a sostenerli. Il Sud Africa è la capitale dello stupro nel mondo: un quarto delle ragazze in Sud Africa è stuprato ancor prima di compiere 16 anni. Molti fattori concorrono a questo abominio: il maschilismo (il 62% dei maschi sopra gli 11 anni ritiene che costringere qualcuno ad un atto sessuale non consensuale non sia un atto di violenza), la povertà, l'accettazione da parte della comunità di questo crimine come fatto di minor rilevanza perché non è neppure classificato come crimine d'odio in Sud Africa. E neppure lo stupro di gruppo (seguito dall'omicidio) di Eudy Simelane, campionessa della squadra di calcio femminile del Sud Africa, ha potuto ribaltare la situazione. E proprio la scorsa settimana il Ministro Radebe ha insistito che il motivo è irrilevante in crimini come lo "stupro correttivo".

FIRMA LA PETIZIONE E FALLA GIRARE!

Ultimo aggiornamento ( martedì 15 marzo 2011 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB