spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow Emergenza umanitaria nel Corno d’Africa
Emergenza umanitaria nel Corno d’Africa PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
sabato 06 agosto 2011

ImageEMERGENZE UMANITARIE - Le immagini che arrivano dal Corno d'Africa sulla carestia che coinvolge milioni di persone non lasciano dubbi sulla gravità della situazione che minaccia la vita di 11 milioni di persone. Più di 2mila persone muoiono ogni giorno in Somalia a causa della carestia e della siccità che hanno messo in ginocchio il paese, ma è "lo sfacelo totale del governo e della diplomazia internazionale che ha portato allo scoppio della crisi alimentare, e noi abbiamo la possibilità di fermare tutto questo". FIRMA LA PETIZIONE "Il popolo somalo è stato colpito da una terribile carestia. Vi chiediamo di farvi avanti e di sostenere gli Stati del Golfo, fra cui gli Emirati Arabi, per una mediazione con Al-Shabaab, che permetta l'accesso immediato e sicuro alle agenzie umanitarie in tutti i territori sotto il suo controllo. Questo è l'unico modo per fermare questa orribile carestia. Diciannove anni fa il mondo ha assistito senza reagire alla morte per fame di 300.000 somali. Facciamo sì che questo non accada più."

Sull’emergenza nel Corno d’Africa, anche un appello del Direttore UNICEF Anthony Lake al vertice FAO.

«La grandezza della sofferenza e le perdite sono enormi. Le immagini che abbiamo visto dal Corno d'Africa parlano da sole. Oltre mezzo milione di bambini sono a rischio di morte imminente a causa di malnutrizione acuta grave. Tra Somalia, Etiopia e Kenya, sono circa 2,3 milioni i bambini già affetti da malnutrizione acuta. Già prima dell’emergenza questi bambini erano tra i più svantaggiati del mondo. Vivono in bilico e diventano più vulnerabili giorno dopo giorno, privati di ogni bisogno umano e di ogni diritto fondamentale. Si tratta di un doppio disastro. La situazione è terribile in Somalia e nei campi profughi in Kenya e in Etiopia, ma si estende ben oltre: alle comunità pastorali di tutta la regione minacciando le persone e il loro modo di vivere e sostentarsi. Questa carestia non è solo questione di cibo. È una questione di scelte obbligate. La comunità globale non si trova di fronte a una scelta circa la risposta da dare, perché, di fronte a un’emergenza così evidente, non ci può essere altra scelta se non quella di agire subito

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB