spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Italiani: quale lavoro? PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 19 settembre 2011

ImageROMA - Il lavoro in Italia non c'è. E quando si trova raramente rispecchia criteri di qualità e parità. "A livello europeo l’Italia fa parte del gruppo di Paesi nei quali i disoccupati di lunga durata (almeno 24 mesi) superano il 45% del totale dei disoccupati". Sono rarissime -fortunate e fortunati- le persone che nel quotidiano si realizzano attraverso il lavoro. Dal rapporto ''Il lavoro scomposto'' dell'Iref risulta che nel nostro paese 1 lavoratore su 4 è impiegato con criteri fuori dagli standard. Sul piatto della bilancia una questione di disagio e precarietà (vera e percepita) che non riguarda più solo i giovani: il 48% degli atipici, infatti, ha tra i 30 e i 49 anni. Le statistiche dei lavoratori atipici -curiosamente- sono tra quelle che non evidenziano disparità sostanziali tra maschi e femmine  Il 12% (2 milioni e 700 mila individui) lavora a part-time, l'11% è un atipico (tempi determinati e collaboratori), mentre il lavoro a tempo parziale interessa maggiormente le donne: 1milione e 800mila. Permane poi la solita ''Divaricazione eccessiva nelle retribuzioni'': le donne guadagnano 27euro in meno al giorno degli uomini (e non vi sembrino pochi!). Per quanto riguarda il sommerso, sono irregolari 12 posti su 100.

Ultimo aggiornamento ( lunedì 19 settembre 2011 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB