spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Donne al top arrow Onu-fao-UE arrow Tre magnifiche Nobel
Tre magnifiche Nobel PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdì 07 ottobre 2011

ImageOSLO 7 ottobre 2011- Il premio Nobel per la pace 2011 è stato assegnato, ha detto il portavoce, alla Presidente liberiana Ellen Johnson Sirleaf, alla sua compatriota Leymah Gboweee alla giornalista yemenita attivista per i diritti civili Tawakol Karman. Il premio rappresenta, secondo il comitato per il Nobel, un riconoscimento del rafforzamento del ruolo delle donne, in particolare nei paesi in via di sviluppo. E.J. Sirleaf è la prima presidente donna di uno stato africano, L.Gbowee è un'attivista pacifista,T. Karman è una giornalista e si occupa di diritti delle donne e democrazia nello Yemen, paese attualmente in preda a gravi conflitti sociali e politici . Di seguito una breve scheda di presentazione delle tre premio Nobel per la Pace.

ImageTawakol Karman, Yemenita, ha 32 anni, e tre figlie. E una giornalista obiettiva che nel suo paese combatte per i diritti umani e contro i pregiudizi della casta maschile. Nel 2004 , durante una assemblea internazionale sui diritti umani ha tolto il velo e non lo ha mai più rimesso invitando le sue connazionali a fare altrettanto. Alla notizia del Nobel ha detto “è un premio per me ma soprattutto per tutte le donne dello Yemen” . Ha fondato l’associazione “Giornaliste senza catene” e malgrado giorni di prigionia, minacce di morte , tentativi plurimi di arresto da parte del presidente Abdallah Saleh, continua a resistere e lottare per i diritti femminili. Ha iniziato una collaborazione con il Washington Post e con Facebook , mettendo a nudo ciò che nel suo paese resta ancorato a un remoto passato islamico fatto di sopraffazione a scapito delle donne.

ImageEllen Jhonson Sirleaf, Liberiana, 72 anni, laureata in economia ad Harvard, 4 figli e 8 nipotiè stata la prima donna Capo di Stato in Africa. Il 16 gennaio 2006 al momento dell’insediamento giurò al suo popolo che usciva da lunghi anni di guerra “Non tradirò le vostre speranze” Speranze di pace e di rinascita in un paese devastato da 14 anni di guerra civile. Senza luce, senza una rete idrica adeguata, senza strade. Ha avviato una campagna di sollecitazione presso le grandi istituzioni finanziare per la ricostruzione e per investimenti nel suo paese, lavorando contemporaneamente al recupero e reinserimento dei combattenti sui due opposti fronti e dei tanti bambini rapiti, drogati e trasformati in feroci macchine da guerra.

ImageLeymah Gbowee , Liberiana, leader del movimento pacifista Women of Liberia Mass action for Peace é una operatrice sociale, madre di 6 figli. Pacifista convinta Gbowee ha contribuito grandemente alla fine della guerra in Liberia, guidando enormi manifestazioni non violente di donne tutte vestite di bianco che cantavano inni di pace . Da sempre impegnata nel recupero dei bambini soldato dell’esercito di Taylor ” Niente e nessuno dovrebbe spingere la gente a fare quello che è stato fatto ai bambini della Liberia” ha partecipato ai negoziati di pace ed ha sostenuto la candidatura e l’elezione della prima donna presidente della Liberia. Ha fatto parte della commissione Verità e Riconciliazione , nata sull’esempio della analoga commissione sudafricana. Sulla vicenda dei bimbi soldato ha girato nel 2008 un impressionante documentario dal titolo “Pray the devil back to hell”.
Ultimo aggiornamento ( venerdì 07 ottobre 2011 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB