spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




I diritti negati delle donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Surfing   
giovedì 10 novembre 2011

ImageDIRITTI NEGATI - Il boom della obiezione di coscienza mette in crisi la legge 194. Tra cinque anni in Italia sarà praticamente impossibile abortire, se non clandestinamente, a causa del continuo aumento dei ginecologi obiettori di coscienza (ad oggi, il 70,7% del totale): è questa la denuncia della “Laiga” (Libera associazione italiana ginecologi per l´applicazione della 194), riunitasi a congresso il 21 ottobre a Roma. Questi i dati principali: 1) in Italia ci sono pochi ginecologi, uno ogni 10mila donne in età fertile; 2) su 5.640 ginecologi i non obiettori sono solo 1.655 (circa il 30%); 3) su 665 strutture ospedaliere che hanno un reparto di ginecologia e ostetricia, 482 fanno aborti, ma solo 283 fanno gli aborti ter apeutici; 4) già adesso ci sono interi ospedali del Sud privi di reparti di interruzione di gravidanza, perché la totalità di ginecologi, anestesisti, paramedici ha scelto l´obiezione di coscienza”. (Fonte: Associazione Luca Coscioni per la libertà della ricerca scientifica Newsletter “numero zero” - 1° novembre 2011)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB