spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 6 arrow Chi SALE.....(Ministro Fioroni)
Chi SALE.....(Ministro Fioroni) PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
sabato 17 marzo 2007

ImageTelefonini rigorosamente spenti in classe durante le ore di lezione. Regola valida per studenti e professori. Severe misure contro il "bullismo": sino a 15 giorni di sospensione e lavori sociali ma anche non ammissione alla maturità nei casi più gravi. Ed a titolo perventivo "un patto sociale di corresponsabilità" tra famiglie e istituti che i genitori potrebbero dover sottoscrivere all'atto dell'iscrizione dei figli a scuola. Il Ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, sceglie la linea dura. A noi tutti viene solo voglia di dire: grazie, ERA ORA!

Dopo mesi in cui le cronache riportavano di presidi ed insegnanti insultati quando non aggrediti dagli stessi alunni ed a volte anche dai genitori, sebbene le norme che disciplinavano l'uso dei telefonini in classe esistevano già, il Ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, spinge sull'acceleratore e sceglie la linea dura. Non più direttive destinate a rimenere lettera morta ma regole nazionali che ogni scuola dovrà far rispettare sotto la propria responsabilità. Regole che, tanto per non lasciare spazi alla critica, varranno anche gli insegnanti.

Per i trasgressori del divieto sull'uso del cellulare in aula scatteranno sanzioni disciplinari a partire dal ritiro del telefonino da restituirsi alla presenza di mamma e papà.

Niente più sms durante le lezioni e niente più filmini.

In caso di fenomeni di "violenza" e "bullismo" previste sanzioni più rigorose. Come la non ammissione allo scrutinio finale o all'esame di Stato, o la sospensione unita all'obbligo di svolgere attività di valenza sociale o come la pulitura delle aule e piccole manutenzioni.

Ed infine la novità: la scuola potrebbe richiedere alle famiglie al momento dell'iscrizione di sottoscrivere un accordo dove le parti si danno atto dei diritti e doveri di famiglia e scuola.

Come a dire: sull'educazione dei figli/studenti ciascuno si assuma le proprie responsabilità.

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 18 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB