spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 6 arrow Chi SALE.....(Ministro Fioroni)
Chi SALE.....(Ministro Fioroni) PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
sabato 17 marzo 2007

ImageTelefonini rigorosamente spenti in classe durante le ore di lezione. Regola valida per studenti e professori. Severe misure contro il "bullismo": sino a 15 giorni di sospensione e lavori sociali ma anche non ammissione alla maturità nei casi più gravi. Ed a titolo perventivo "un patto sociale di corresponsabilità" tra famiglie e istituti che i genitori potrebbero dover sottoscrivere all'atto dell'iscrizione dei figli a scuola. Il Ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, sceglie la linea dura. A noi tutti viene solo voglia di dire: grazie, ERA ORA!

Dopo mesi in cui le cronache riportavano di presidi ed insegnanti insultati quando non aggrediti dagli stessi alunni ed a volte anche dai genitori, sebbene le norme che disciplinavano l'uso dei telefonini in classe esistevano già, il Ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, spinge sull'acceleratore e sceglie la linea dura. Non più direttive destinate a rimenere lettera morta ma regole nazionali che ogni scuola dovrà far rispettare sotto la propria responsabilità. Regole che, tanto per non lasciare spazi alla critica, varranno anche gli insegnanti.

Per i trasgressori del divieto sull'uso del cellulare in aula scatteranno sanzioni disciplinari a partire dal ritiro del telefonino da restituirsi alla presenza di mamma e papà.

Niente più sms durante le lezioni e niente più filmini.

In caso di fenomeni di "violenza" e "bullismo" previste sanzioni più rigorose. Come la non ammissione allo scrutinio finale o all'esame di Stato, o la sospensione unita all'obbligo di svolgere attività di valenza sociale o come la pulitura delle aule e piccole manutenzioni.

Ed infine la novità: la scuola potrebbe richiedere alle famiglie al momento dell'iscrizione di sottoscrivere un accordo dove le parti si danno atto dei diritti e doveri di famiglia e scuola.

Come a dire: sull'educazione dei figli/studenti ciascuno si assuma le proprie responsabilità.

 

Ultimo aggiornamento ( domenica 18 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB