spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow Madri e figli: è la qualità della vita che fa la differenza
Madri e figli: è la qualità della vita che fa la differenza PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 09 maggio 2012

ImageROMA - Il 13 maggio è la festa della mamma... Secondo il tredicesimo Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo di Save the Children, che analizza una serie di indicatori, il paese peggiore per le madri è il Niger mentre la Norvegia è da molti anni il paese migliore. Nel Niger a livello politico solo il 14% dei seggi in parlamento è occupato da donne, contro il 40% dell’assemblea norvegese. A riprova che, la dove le donne hanno accesso a posizioni di alto profilo la differenza anche in termini di welfare c'é per tutti, e si misura concretamente! L'Italia si attesta solamente al 21° posto di questa classifica che di paesi ne mette a confronto 165, e si trova a metà dei 43 paesi più sviluppati proprio per via dell’assoluta mancanza di politiche di conciliazione legate alla maternità, e dunque alla qualità della vita delle madri.


Siamo “alle spalle di Portogallo (15°), Spagna (16°) e Grecia (20°). Colpiscono in particolare in negativo i dati relativi alla condizione della donna e al suo ruolo o riconoscimento sociale nel nostro Paese. La percentuale delle donne sedute in parlamento per esempio è pari al 21%, e, benché aumentata di un punto percentuale rispetto allo scorso anno, risulta inferiore rispetto a quella di paesi come l’Afganistan (28%), l’Angola (38%) o il Mozambico (39%). Lo stipendio medio delle donne non va oltre al 49% di quello degli uomini a parità di mansioni, tra i paesi sviluppati fanno peggio solo l’Austria (40%), il Giappone e Malta (45%), mentre invece 2 paesi su 3 registrano una percentuale superiore al 60%. Solo il 41% delle donne italiane utilizza i moderni metodi contraccettivi, una percentuale inferiore a quella di paesi come Botswana (42%), Zimbabwe (58%), ma anche Egitto (58%) e Tunisia (52%), e molto distante dall’82% della Norvegia”.


Dalla classifica di Save the Children, che analizza tra gli altri fattori anche l’istruzione, la condizione economica delle madri, e la salute complessiva del bimbo nei primi 3 anni di vita, si evidenzia che 1 bambino su 7 muore prima dei 5 anni mentre 1 su 3 soffre di malnutrizione. “La distanza abissale che separa le condizioni di donne e madri e dei loro figli tra il primo e l’ultimo paese della classifica ben rappresenta le enormi disparità esistenti tra i paesi più sviluppati del pianeta e quelli più poveri”. Per maggiori informazioni sul rapporto: http://www.savethechildren.it/IT/HomePage

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 09 maggio 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB