spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow Madri e figli: è la qualità della vita che fa la differenza
Madri e figli: è la qualità della vita che fa la differenza PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 09 maggio 2012

ImageROMA - Il 13 maggio è la festa della mamma... Secondo il tredicesimo Rapporto sullo Stato delle Madri nel Mondo di Save the Children, che analizza una serie di indicatori, il paese peggiore per le madri è il Niger mentre la Norvegia è da molti anni il paese migliore. Nel Niger a livello politico solo il 14% dei seggi in parlamento è occupato da donne, contro il 40% dell’assemblea norvegese. A riprova che, la dove le donne hanno accesso a posizioni di alto profilo la differenza anche in termini di welfare c'é per tutti, e si misura concretamente! L'Italia si attesta solamente al 21° posto di questa classifica che di paesi ne mette a confronto 165, e si trova a metà dei 43 paesi più sviluppati proprio per via dell’assoluta mancanza di politiche di conciliazione legate alla maternità, e dunque alla qualità della vita delle madri.


Siamo “alle spalle di Portogallo (15°), Spagna (16°) e Grecia (20°). Colpiscono in particolare in negativo i dati relativi alla condizione della donna e al suo ruolo o riconoscimento sociale nel nostro Paese. La percentuale delle donne sedute in parlamento per esempio è pari al 21%, e, benché aumentata di un punto percentuale rispetto allo scorso anno, risulta inferiore rispetto a quella di paesi come l’Afganistan (28%), l’Angola (38%) o il Mozambico (39%). Lo stipendio medio delle donne non va oltre al 49% di quello degli uomini a parità di mansioni, tra i paesi sviluppati fanno peggio solo l’Austria (40%), il Giappone e Malta (45%), mentre invece 2 paesi su 3 registrano una percentuale superiore al 60%. Solo il 41% delle donne italiane utilizza i moderni metodi contraccettivi, una percentuale inferiore a quella di paesi come Botswana (42%), Zimbabwe (58%), ma anche Egitto (58%) e Tunisia (52%), e molto distante dall’82% della Norvegia”.


Dalla classifica di Save the Children, che analizza tra gli altri fattori anche l’istruzione, la condizione economica delle madri, e la salute complessiva del bimbo nei primi 3 anni di vita, si evidenzia che 1 bambino su 7 muore prima dei 5 anni mentre 1 su 3 soffre di malnutrizione. “La distanza abissale che separa le condizioni di donne e madri e dei loro figli tra il primo e l’ultimo paese della classifica ben rappresenta le enormi disparità esistenti tra i paesi più sviluppati del pianeta e quelli più poveri”. Per maggiori informazioni sul rapporto: http://www.savethechildren.it/IT/HomePage

Ultimo aggiornamento ( mercoledì 09 maggio 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB