spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




ROSA, devi restare! PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerdì 15 giugno 2012

ImagePER COMBATTERE PER LA GIUSTIZIA E LA VERITA’ - Dopo la concessione degli arresti domiciliari da parte del GIP al giovane militare accusato delle violenze subìte, la studentessa trovata in fin di vita davanti a una discoteca a L’Aquila la notte tra l’11 e il 12 febbraio ha chiamato “Chi l’ha visto?”. “Voglio andare via dall’Italia”, ha detto esprimendo la propria rabbia e delusione. Dagli spettatori è subito partito via telefono, e-mail, Facebook e Twitter un flusso ininterrotto di messaggi di solidarietà con ‘Rosa’. Francesco Tuccia è accusato di violenza carnale aggravata e tentato omicidio. E sta aspettando il processo a casa propria. La normalità per Rosa è impossibile. Impossibile per lei poter uscire di casa e non aver paura. Seppure la persona offesa non ha facoltà di interloquire rispetto alle decisioni, sentenze, ordinanze di un caso, (le sentenze, decisioni, ordinanze si devono rispettare) questo Paese conferisce però ancora alle altre persone la possibilità di criticarle. Qualcosa potrà pure l’indignazione della società civile! Facciamo tutte/i sentire la nostra voce: sosteniamo Rosa affinché non si senta sola e trovi la forza di combattere e lottare.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 15 giugno 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB