spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Marzo 2017 Aprile 2017 Maggio 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 13 1 2
Settimana 14 3 4 5 6 7 8 9
Settimana 15 10 11 12 13 14 15 16
Settimana 16 17 18 19 20 21 22 23
Settimana 17 24 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Giornalismo arrow Violenze alle giornaliste: rischi della professione?
Violenze alle giornaliste: rischi della professione? PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
marted́ 23 ottobre 2012

ImageEGITTO - Mezz'ora molestie del branco per la giornalista Sonia Dridi, corrispondente dal Cairo della tv francese France 24. Sonia è stata vittima dell’ennesimo episodio di molestie e violenza, una tendenza in crescita a piazza Tahrir. Anche se Dridi ha raccontato su Twitter di avere “addosso più paura che ferite" la situazione non è da sottovalutare: nella capitale egiziana sempre più spesso le donne sono oggetto di molestie e violenza. Come è successo a Sara Logan del network CBS, che nella stessa piazza però, la sera dell’annuncio che Mubarak si era dimesso, è stata anche violentata e picchiata. Pensava sarebbe morta. In Egitto nel fermento nella piazza, sono le donne a essere le più esposte al pericolo. Giornaliste, reporter, fotografe, spogliate, derubate, molestate. Ma non esiste una precisa conta degli attacchi a piazza Tahrir.


La polizia non si avvicina e le donne raramente denunciano le aggressioni. Anche la giornalista Mona Eltahawy è stata arrestata e detenuta per 12 ore dalle forze di sicurezza, il 24 novembre 2011: ha affermato di essere stata aggredita sessualmente da funzionari di sicurezza e percossa, riportando fratture alla mano sinistra e al braccio destro. Amnesty International ha dichiarato che questi attacchi sono in progressivo aumento, e potrebbero essere istigati da gruppi estremisti allo scopo di intimidire le donne per ostacolarne la partecipazione alla vita pubblica ed ha chiesto pubblicamente a Mohamed Morsi di ripristinare lo stato di diritto.

Ultimo aggiornamento ( marted́ 23 ottobre 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB