spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Giornalismo arrow Violenze alle giornaliste: rischi della professione?
Violenze alle giornaliste: rischi della professione? PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
marted́ 23 ottobre 2012

ImageEGITTO - Mezz'ora molestie del branco per la giornalista Sonia Dridi, corrispondente dal Cairo della tv francese France 24. Sonia è stata vittima dell’ennesimo episodio di molestie e violenza, una tendenza in crescita a piazza Tahrir. Anche se Dridi ha raccontato su Twitter di avere “addosso più paura che ferite" la situazione non è da sottovalutare: nella capitale egiziana sempre più spesso le donne sono oggetto di molestie e violenza. Come è successo a Sara Logan del network CBS, che nella stessa piazza però, la sera dell’annuncio che Mubarak si era dimesso, è stata anche violentata e picchiata. Pensava sarebbe morta. In Egitto nel fermento nella piazza, sono le donne a essere le più esposte al pericolo. Giornaliste, reporter, fotografe, spogliate, derubate, molestate. Ma non esiste una precisa conta degli attacchi a piazza Tahrir.


La polizia non si avvicina e le donne raramente denunciano le aggressioni. Anche la giornalista Mona Eltahawy è stata arrestata e detenuta per 12 ore dalle forze di sicurezza, il 24 novembre 2011: ha affermato di essere stata aggredita sessualmente da funzionari di sicurezza e percossa, riportando fratture alla mano sinistra e al braccio destro. Amnesty International ha dichiarato che questi attacchi sono in progressivo aumento, e potrebbero essere istigati da gruppi estremisti allo scopo di intimidire le donne per ostacolarne la partecipazione alla vita pubblica ed ha chiesto pubblicamente a Mohamed Morsi di ripristinare lo stato di diritto.

Ultimo aggiornamento ( marted́ 23 ottobre 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB