spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2017 Giugno 2017 Luglio 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 22 1 2 3 4
Settimana 23 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 24 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 25 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 26 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Contro il femminicidio il voto delle donne alle donne
Contro il femminicidio il voto delle donne alle donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 19 dicembre 2012

ImageROMA - Beatrice Ballerini, trovata morta giovedì a Montecatini Terme, uccisa dall’ex marito è l’ennesima vittima della piaga del femminicidio che nel nostro paese dilaga, inarrestabile, come un’infezione per la quale la nostra società sembra non riuscire a trovare né argine, né rimedio, né soluzione. E la lista delle donne uccise da mariti, fidanzati, compagni o ex compagni che cercavano di farle ‘ragionare’, a suon di sberle, o con intimidazioni, coercizioni, persecuzioni, o minacce, continua ad allungarsi! L’unica soluzione, a mio parere, oggi, è quella di riempire le istituzioni di donne. In Parlamento, alla Camera, al Senato, mandiamo donne eccellenti preparate, competenti. Questo in vista delle prossime elezioni, alle quali già tutti gli schieramenti si preparano, con il patto di rendere finalmente prioritaria l’agenda sicurezza. Quella vera, non quella strombazzata sull’onda dell’ennesimo brutto delitto che agita le coscienze (soprattutto quelle sporche).


Non, dunque, l’agenda sicurezza usata a fini personali per questioni di comodo, ovvero quella che strumentalizza l’uccisione di una donna (come avvenne a Roma nel 2007 per il delitto Reggiani, cui si reagì mettendo in bella mostra inutili presidi di militari alle fermate di treni e metropolitane), ma quella vera, fatta di applicazione delle leggi che già esistono, di rafforzamento delle strutture che danno ascolto e sostegno psicologico e prestano rifugio alle donne che per salvarsi la vita si devono allontanare di corsa dalla propria casa senza poter prender con sé niente, se non i figli, quelle che li hanno.


Un’agenda sicurezza, insomma, realmente pensata per le donne. Fatta di vera attenzione, e non per raccogliere facili consensi sull’onda dell’emotività. Fatta di vero inasprimento delle pene, e che preveda il riconoscimento della gravità dei reati di stupro, e femminicidio quali gravissimi, e per questo perseguibili senza possibilità di sconti, né di agevolazioni domestiche o domiciliari. Anche perché le donne che subiscono violenza non si trovano mai vittime di raptus isolati, ma di lunghi periodi di vessazioni, che avvengono spessissimo tra le mura di casa e che durano anche per anni. A breve si voterà, quindi pensiamoci bene tutte, noi donne, dato che siamo la maggioranza dell’elettorato di questo paese: votare una donna può veramente fare la differenza e, in prospettiva, diventare la giusta causa che, tra gli effetti di un domani che si auspica non troppo lontano, salverà più di qualche vita!

Ultimo aggiornamento ( giovedì 20 dicembre 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB