spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Donne per le donne
Donne per le donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdì 28 dicembre 2012

Image Donne per le donne e per la buona politica.

Roma, 28 dic 2012-Non è stato facile, per  donne di Roma, vittime della cosiddetta "sicurezza" di Alemanno  superare il buio di una intera legislatura. Non è stato facile convincere il Comune a condannare le pubblicità offensive delle donne e della loro immagine, che campeggiavano sui grandi spazi (abusivi e tollerati ) dell'intera città; non è stato facile convincere un Consiglio Comunale disattento , distratto, sparpagliato a decidere in occasione dell'8 marzo la costituzione di parte civile del Comune a fianco di quelle donne, native e immigrate, che a Roma, la cattolicissima capitale d'Italia, venivano stuprate per strada. Non è stato per niente facile, ma Monica Cirinnà lo ha fatto!  Certo, insieme a Gemma Azuni , uniche due donne di tutta l'opposizione capitolina   e il loro lavoro insieme nella città è stato a fianco  alle associazioni di donne . Con l’impegno di Monica ha dovuto fare i conti anche il Sindaco Alemanno quando...

 

 Con l’impegno di Monica ha dovuto fare i conti anche il Sindaco Alemanno quando ha cercato di far passare per "corretta" una giunta composta da tutti uomini e Una donna, decisione che ha portato Monica  a presentare  ricorso al Tar;   e quando il Tar l'ha condannato e quando il Consiglio di Stato ha ribadito ancora una volta che il sindaco aveva torto. Ha dovuto misurarsi ancora  con l’impegno di Monica  quando- insieme a Gemma-  hanno denunciato il tentativo di bloccare la democrazia paritaria e la presenza paritaria delle donne in Giunta attraverso la modifica dello statuto comunale; quando ha cercato di vendere in perdita quote di proprietà pubblica;  quando ha denunciato lo spreco di denaro pubblico attraverso i punti verdi qualità (sui quali sta indagando la magistratura). Noi ricordiamo   le tante, innumerevoli volt,e  che le associazioni tutte l'hanno  avuta a fianco a  sostenere e proteggere Archivia e la memoria storica delle associazioni , in difesa dei Consultori pubblici, contro l'omofobia., per la Casa internazionale delle donne …

Monica è adesso candidata per il Parlamento, lascerà il comune di Roma, speriamo in mani altrettanto capaci, e siamo certe non di perdere una consigliera comunale  ma di guadagnare tutte dall'impegno che porterà nel suo nuovo incarico da parlamentare.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 28 dicembre 2012 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB