spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Sex condicio, Please
Sex condicio, Please PDF Stampa E-mail
Scritto da La redazione   
martedì 15 gennaio 2013

ImageLegge dimenticata ,votata e non ancora applicata; è la Legge 215 del 2012, entrata in vigore a fine anno. Nella comunicazione politica  prevede -per i mezzi di informazione -l'adozione di criteri rispettosi del dettato costituzionale: Articoli 3 e 51primo comma, per la promozione di pari opportunità tra donne e uomini. Vorremmo confrontare alla pari le proposte di candidate e candidati, conoscere anche i volti delle donne, poichè quelli degli uomini sono arcinoti e onnipresenti. Vorremmo l'applicazione delle legge .Lo chiedono le 50 associazioni firmatarie dell'Accordo di Azione Comune per la Democrazia Paritaria  nel comunicato che segue...

 

Comunicato stampa

Candidate e candidati presenti nei mass media nelle imminenti campagne elettorali per il Parlamento e le Regioni: lo impone la “par condicio di genere”.

Le 50 associazioni, reti e gruppi di donne che hanno siglato l'“Accordo per la democrazia paritaria” chiedono l’applicazione della nuova legge (n.215 del 2012), entrata in vigore il 26 dicembre scorso,che prevede e prescrive che “i mezzi di informazione, nell’ambito delle trasmissioni per la comunicazione politica, sono tenuti al rispetto dei principi di cui all’articolo 51, primo comma, della Costituzione, per la promozione delle pari opportunità tra donne e uomini”.

Confrontare alla pari i leader e i programmi delle differenti forze politiche è fondamentale, ma lo è altrettanto conoscere i volti, le parole, il pensiero delle donne che insieme agli uomini dovranno rappresentarci  nel Parlamento, nelle Regioni e nelle assemblee
elettive che saranno rinnovate
.

La Commissione Parlamentare di vigilanza Rai, accogliendo anche le sollecitazioni dell’Accordo, ha tenuto conto di questa importante novità, e nel regolamento per il servizio pubblico entrato in vigore il 6 gennaio, prevede all’articolo 4 che “sia assicurata parità di
condizioni nell’esposizione di opinioni e posizioni politiche e un’equilibrata rappresentanza di genere tra le presenze”.


Al contrario, l’AGCOM sembra invece ignorare la nuova norma. La delibera n.666 del 28 dicembre 2012 con le disposizioni di attuazione della legge sulla par condicio (approvata due giorni dopo l’entrata in vigore della nuova legge), ed anche la successiva n.13 del 13 gennaio, che riguarda le elezioni regionali, non ne tengono, infatti, conto, al punto da non citare neppure le modifiche normative intervenute. Dimenticanze che l’AGCOM deve colmare immediatamente.

Sappiamo bene che non basta una legge per rimuovere consolidate abitudini del mondo politico e dei media e ottenere una maggiore sensibilità ai temi della democrazia paritaria.

Perciò l’Accordo continuerà a impegnarsi per chiedere alle forze politiche, ma soprattutto alle istituzioni competenti, a partire dalla Commissione di vigilanza RAI e dall’AGCOM, l’attuazione e il pieno rispetto delle nuove regole anche nelle reti private e, in caso di
violazioni, l'applicazione delle sanzioni previste. Va garantita la presenza e la conoscenza delle donne e degli uomini che chiedono il nostro voto.

Roma, 14 gennaio 2013

info e contatti :

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo - Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB