spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2020 Settembre 2020 Ottobre 2020
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 36 1 2 3 4 5 6
Settimana 37 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 38 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 39 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 40 28 29 30
 

 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow *Giornalismo arrow E’ da femmina o da maschio? Identità di genere a scuola
E’ da femmina o da maschio? Identità di genere a scuola PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
marted́ 09 aprile 2013

 

In una quarta elementare i bambini e le bambine riflettono sull'identità di genere, attraverso le storie, le immagini televisive, il confronto e la discussione tra pari.” Venerdì 12 aprile, alle ore 17:00 alla Casa Internazionale delle Donne di Roma (Via della Lungara 19) è prevista la presentazione del video-documentario realizzato nell'ambito di un corso di formazione tenuto dall'insegnante Pina Caporaso sulla “prevenzione degli stereotipi di genere nella scuola”. Ideato per “proporre il meglio” pur nella “scarsità di risorse della quale soffre cronicamente la scuola pubblica italiana”. Una classe capace di regalare 50 imperdibili minuti di puro divertimento, dove le giovani protagoniste ed i loro compagni di scuola dimostrano di saper cogliere, quasi meglio degli adulti, sia le dinamiche dei rapporti uomo/donna nella famiglia, che gli stereotipi di genere di cui è piena zeppa la società. (Leggi di seguito l'intervista per saperne di più)

 

 

Per capire di più di questo progetto dalla sua ideatrice e curatrice, le abbiamo chiesto quali siano stati alcuni dei passaggi più importanti affrontati con la classe. “Il corso è stato interessantissimo -risponde- abbiamo discusso di segregazione formativa, della rappresentazione maschile/femminile nei libri di testo delle elementari, dell'assenza di insegnanti uomini, dell'esclusione delle donne dalle scienze, del sessismo nel linguaggio... Volevo realizzare qualcosa che lasciasse traccia a scuola, perché un aspetto importante e spesso sottovalutato è la documentazione. […] Prendendo lo spunto da tante occasioni diventate educative. Per esempio, quando in grammatica abbiamo studiato il genere dei nomi, è stata un'occasione d'oro per discutere il perché non riusciamo a nominare alcune professioni al femminile (la sindaca, l'avvocata...). E poi perché, nella pratica quotidiana, abbiamo sempre cercato una distribuzione paritaria dei ruoli e dell'immagine che i/le bambini/e hanno di sé.”

Quali sono stati gli effetti visibili, concreti, che a seguito di questo progetto avete potuto notare nei comportamenti delle ragazze e dei ragazzi? “Faccio spesso un esempio di vita quotidiana in classe: se qualcuno/a si sente poco bene e vuole andare a misurare la febbre, la prima cosa che viene in mente è chiamare una bambina per accompagnare. E' quasi automatico, perché appartiene al genere femminile, quello che da sempre gestisce la cura perché "è più capace". Bene, anzi male, permettiamo anche ai bambini di imparare. Maschi o femmine che siano, sono felicissimi quando devono aiutare. […] Queste pratiche rompono gli stereotipi. Molto più delle storie, che pure sono importanti.”

Segnalerebbe ancora uno stereotipo molto comune, su cui fermarsi a riflettere? “Il rapporto con il computer. In classe sono le bambine quelle più autonome nell'uso della tecnologia (e la loro maestra è molto tecnologizzata...). Anche questo è uno stereotipo che viene piano piano modificato, quello delle donne che hanno sempre bisogno di un uomo per capire come funziona... Ciò che mi preme sottolineare è che la formazione e la convinzione delle insegnanti è la chiave di volta”.

Un’impresa coraggiosa che avrà suscitato molte emozioni: quali sono stati i commenti, e quali le reazioni più forti dei genitori? “Mi hanno raccontato, alcuni, un certo imbarazzo. Soprattutto i padri, spesso citati perché meno presenti nella cura, si sono posti delle domande e le hanno rivolte ai loro figli/e: "E' davvero così? Per te sono davvero assente?". Non è poco. Ci hanno fatto i complimenti perché hanno visto come stanno i loro figli e le loro figlie a scuola. Hanno realizzato che stanno bene, che si sentono ascoltati e valorizzati. Non sempre è facile far capire ai genitori che la scuola non è la loro controparte ma è - dovrebbe essere - la loro alleata numero uno. Questo lavoro ci è servito anche a questo, a cementare un po' meglio la fiducia, a darle più solidità.”

Due parole su di sè? “Sono laureata in sociologia con una tesi sul femminismo italiano e sono socia di Archivia, dove mi occupo di ricostruire la storia dei gruppi femminili che si sono occupati di corpo, salute, sessualità. Perciò il tema era nelle mie corde, l'ho studiato e avevo accumulato osservazioni interessanti nella mia pratica didattica. Ero pronta a condividere e a confrontarmi con le mie colleghe".

 

Per questo e molto altro ancora, rimandiamo alla visione del documentario, Guardatelo con le vostre figlie e figli, con amiche ed amici, nelle vostre classi: vale davvero la pena!

Ultimo aggiornamento ( marted́ 09 aprile 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB