spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Rappresentanza del popolo o club massonico?
Rappresentanza del popolo o club massonico? PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
lunedì 04 marzo 2013

Image Roma, 4 marzo 2013. Un numeroso gruppo di donne e uomini, in larga misura giovani, entra nei luoghi della decisione politica, Senato e Camera, laddove si decidono le norme che regolano i rapporti vitali, civili, politici, economici, di relazione del Paese. Arrivano in Parlamento per la prima volta, sulla spinta di un voto popolare consistente. Un voto “condizionato” da una lista “nominata” definita da un Partito o da un Capo sulla base di una legge elettorale votata a maggioranza da Lega e PDL, che non è stata modificata dalle opposizioni, nè dalla larga maggioranza tecnica che pure ne aveva fatto oggetto di accordo. Un voto che non consente all’elettore/trice di scegliere i propri rappresentanti direttamente, valutando le persone proposte dai singoli partiti nel proprio territorio. Una “porta stretta” ...

Una “porta stretta” che obbliga a chinarsi per entrare nel palazzo, consente a pochi di determinare attraverso le segreterie di partito o anche attraverso formule di primarie più o meno aperte e libere, coloro che verranno investiti del potere di rappresentare e guidare il paese per i prossimi 5 anni.

La saggezza delle e dei costituenti, quasi premonitrice, all’articolo 67 della Costituzione  ricorda a tutti e tutte, una volta eletti,  che i Capi, gli Happy Few, possono cercare di usare o piegare, secondo propri interessi l’ansia di cambiamento di un popolo, imponendo astratta  obbedienza, snaturando la spinta innovatrice: è già avvenuto, può sempre succedere. Per questa ragione ogni legislatore /legislatrice assume il proprio mandato in coscienza e lo svolge in maniera libera da dictat e condizionamenti.

L’eletta/o è chiamato a proclamare chiaramente, personalmente ciò che pensa, a svolgere il mandato elettorale senza condizionamenti. La segretezza e l’unanimità si addicono alle sette massoniche non al libero esercizio della democrazia parlamentare.

Si può dunque scegliere, una volta eletti, se entrare dalla “porta stretta” chinandosi di fronte al gran maestro e giurando obbedienza come nella P2 di Gelli, o decidere come Bertoldo della favola e della saggezza popolare,  di entrare nell’arena politica voltando le spalle a chi pretende cervelli unificati e indifferenziati, non in segno di sprezzo, ma mostrando di sapere agire con personale intelligenza e dignità..

Irene Giacobbe

Ultimo aggiornamento ( lunedì 01 aprile 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB