spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow Alzheimer: priorità per salute pubblica mondiale
Alzheimer: priorità per salute pubblica mondiale PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
lunedì 18 marzo 2013

ImageSALUTE ANZIANI – Gli anziani sono la nostra storia, il nostro passato, la nostra memoria ed esserci per sostenerli quando si fanno fragili e bisognosi è un dovere personale e sociale cui non possiamo sottrarci. Negli ultimi anni, a conferma di un trend tutto italiano, si è lasciato che la cura degli anziani fosse affidata all’organizzazione familiare, e soprattutto alle donne, senza minimamente porsi il problema di un paese che invecchia e nel quale l’età media di donne ed uomini si allunga. Nonostante l’Italia si ostini ad ignorare la questione, come spesso fa per molti altri temi d'interesse sociale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lancia un monito: “l’Alzheimer è una priorità per la salute pubblica mondiale. I malati sono 36 milioni nel mondo, 1 milione in Italia. Si è fatto qualche piccolo progresso nella prevenzione, nessuno nella cura. I governi devono porsi il problema, come ha fatto il presidente USA Obama, che ha indicato il termine del 2025 per sconfiggere questa terribile malattia.”

Dal prossimo governo italiano, e dalle forze politiche vintage e nuove, si auspica un serio segno di interesse: potrebbero infatti sbloccarsi in questa fase molte altre leggi care al paese, come quelle sui temi GLBT, ma anche sulla fecondazione assistita, le cure palliative ed il fine vita, soprattutto ora che, come rivela un’inchiesta di Bechis su “Libero”, nel nuovo Parlamento sono aumentati moltissimo i deputati e le deputate favorevoli alle richieste delle associazioni su nozze gay e, seppure in misura minore, sulle adozioni. Per quanto riguarda invece i temi della sanità, un articolo di Guglielmo Pepe su “LaRepubblica” evidenzia una larga convergenza fra i programmi del PD e quelli di 5 Stelle, seppure nei programmi del movimento di Grillo sono stati del tutto dimenticati i temi bioetici. PER SAPERNE DI PIÙ

Ultimo aggiornamento ( giovedì 21 marzo 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB