spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Elezioni arrow Governo Letta: così non va bene!
Governo Letta: così non va bene! PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
martedì 06 agosto 2013

Image Roma,5 agosto2013 . Ancora una volta, ad inizio agosto, le associazioni di donne dell'Accordo di Azione Comune per la Democrazia Paritaria , ormai più di 50, sottolineano le disattenzioni dell'azione del Governo Letta. Si tratta dell'impugnazione della Legge Elettorale Sarda che, alla quale il governo contesta alcune norme "dimenticando" altre. ad esempio quelle sulla parità e non discriminazione. La Rete per la Parità ha inviato al primo ministro una lettera con puntuali osservazioni pubblicata quì di seguito. Si sottolinea come la mancata nomina di una nuova Ministra, in sostituzione della dimissionaria ministra Idem, sia foriera di "disguidi" di questa natura. Si attendono risposte e si spera in esiti positivi.

 

.
Da Rete per la Parità
Associazione di promozione sociale per la Parità uomo-donna secondo la Costituzione Italiana
 
COMUNICATO
Impugnativa davanti alla Corte costituzionale della Legge statutaria sarda:
un’occasione persa, ma se vuole il Presidente del Consiglio dei Ministri fa ancora in tempo a rimediare
Il Consiglio dei Ministri del 2 agosto ha deciso di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge statutaria elettorale sarda ma non per le motivazioni espresse nella richiesta avanzata il 24 luglio da molte Associazioni sarde e nazionali, riguardanti l’incompletezza della legge, che con l'art. 4 comma 4 introduce soltanto un tetto alle candidature di ciascun genere senza garantire le pari opportunità.
Un’occasione persa, ma se vuole il Governo può rimediare: c’è ancora l’intero mese di agosto per integrare la decisione del Consiglio dei Ministri, secondo la richiesta formalmente inoltrata al Presidente del Consiglio dall’Accordo di azione comune per la democrazia paritaria, che riunisce 55 organismi tra i quali anche la Rete per la Parità.
L’unica norma considerata dal Governo è quella dell'art. 22 comma 3, che riguarda la previsione dell'incandidabilità/ineleggibilità del (della) presidente della Regione in caso di dimissioni prima della fine naturale della legislatura.
Il colmo è che il contrasto individuato dal Ministro Delrio, riferito all'articolo 22, comma 3, riguarda due articoli (3 e 51 della Costituzione), che sono tra quelli da considerare, secondo le associazioni, ai fini del ricorso alla Corte costituzionale ma con riferimento all’articolo 4 comma 4, che omette di promuovere con appositi provvedimenti le pari opportunità tra donne e uomini.
Il Governo, quindi, si è mosso solo per difendere i diritti di chi copre cariche istituzionali, trascurando del tutto le questioni di genere.
Il primo, grave e clamoroso effetto della delega alle Pari Opportunità a una viceministra- denunciano le Associazioni- e non ha neanche funzionato, com’era facilmente prevedibile, il pubblico impegno da parte di Enrico Letta a farsi carico nel CdM delle questioni per le Pari Opportunità e a invitare la viceministra ogni volta che tali questioni sarebbero state trattate.
Roma. 4 agosto 2013
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Ultimo aggiornamento ( martedì 06 agosto 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB