spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2018 Giugno 2018 Luglio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 23 1 2 3
Settimana 24 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 25 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 26 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 27 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Femminicidio arrow Femminicidio: si combatte anche cambiando la TV
Femminicidio: si combatte anche cambiando la TV PDF Stampa E-mail
Scritto da La Redazione   
giovedì 26 settembre 2013

ImageROMA - La violenza di genere [la violenza degli uomini sulle donne – ndr] "non è una collezione di fatti privati, ma una tragedia che parla a tutti, che parla di tutti". L'allarme arriva dal presidente del Senato, Piero Grasso, che in occasione del convegno nella Sala Zuccari di Palazzo Madama sulla "Convenzione di Istanbul e media", ha messo in guardia su quella che è diventata una vera e propria emergenza sociale: il femminicidio “un fenomeno che va combattuto in tutte le sue forme: dalle offese, alle minacce, agli atti di violenza fisica e psicologica".

La responsabilità dei media nella costruzione dell'immagine della donna oggetto è stata ribadita dalla presidente della Rai, Anna Maria Tarantola: "i media sono stati a lungo responsabili di un'immagine delle donne che non ne ha aiutato il cambiamento", a cominciare dal fatto che "si è affermato un canone [..] che celebra la bellezza quale valore assoluto, annullando tutto il resto". Ma le cose cambieranno: la tv pubblica sta ampliando la presenza delle donne all'interno della dirigenza e sta "cambiando i palinsesti verso un'offerta qualificata della presenza delle donne. E lo faremo se sarà necessario anche a scapito delle share".LEGGI TUTTO QUI

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB