spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Infanzia arrow Programmare un figlio? Al massimo entro agosto
Programmare un figlio? Al massimo entro agosto PDF Stampa E-mail
Scritto da Chiara Brunetti   
sabato 19 ottobre 2013

ImageVITA DA MAMME - I bandi dei nidi comunali, ogni mamma che ci è passata lo sa, escono di norma in primavera e puntualmente ci inchiodano con i loro rigidi requisiti di ammissione:  le domande per il successivo anno scolastico possono infatti essere presentate per tutti i bambini nati o nascituri, a condizione che la data presunta del parto cada entro il 31 maggio. Da ciò deriva, per le donne che partoriranno più o meno  in quel periodo, lo sforzo di  ‘forzare‘ un pochino la mano ai ginecologi e dichiarare una data utile nei certificati da allegare alla domanda per non pregiudicarsi l’accesso al servizio per l’intero anno scolastico (anticipare la data presunta del parto di qualche giorno che comporterà mai?) e, successivamente,  tentativi disperati di rientrare effettivamente nella fatidica scadenza, ricorrendo a suggerimenti e trucchi appresi ovunque (se oggi è sicuramente il web a farla da padrone come fonte di consigli, questo è uno dei casi in cui attingere all’esperienza vissuta di mamme e nonne risulta la carta più vincente)  per far partire il travaglio. Basterebbe un sondaggio per vedere quanti bambini che sarebbero dovuti arrivare i primi di giugno anticipano incredibilmente di qualche giorno la data della nascita per avere un’idea del fenomeno.

Agli antipodi c’è anche la pianificazione della gravidanza stessa- che riguarda però generalmente le mamme che vogliono avere un secondo o terzo figlio, già esperte di calendari, bandi e piccoli accorgimenti strategici di cui le primipare sono completamente digiune, a meno che non abbiano un’amica o una sorella che ha partorito da poco (e che non tema la concorrenza che il futuro pargoletto potrebbe fare al suo dato il ristretto numero dei posti  disponibili: in questo campo è la legge della giungla a farla da padrone!!). E giù a calcolare che dati i 9 mesi della gestazione, un figlio va concepito al massimo entro agosto se non si vuole rischiare di precludergli l’accesso al nido con le relative difficoltà che ciò comporterebbe alla mamma nel rientro a lavoro. Passato agosto, il tutto va rimandato all’anno successivo.

Certo tutto questo vale per chi non ha la fortuna di avere nonni a disposizione- perché, si sa, i genitori sono l’unico vero welfare dei trentenni e quarantenni di oggi. E, ancora, ovvio, vale solo per chi non può permettersi di richiedere dopo i cinque mesi di astensione per maternità (in cui la retribuzione prevista è all’80% dello stipendio normale) il congedo parentale (con cui la paga scende al 30%); e, infine, non guadagna così tanto da spendere interamente il suo stipendio mensile nella impietosa retta di un asilo nido privato o di una babysitter fissa. Ma guardando ai dati di oggi sembra che i nidi comunali rappresentino il principale servizio per la prima infanzia a cui le lavoratrici italiane aspirano.

Oggi si sente tanto parlare delle difficoltà connesse al lavoro di cura, sia degli anziani (che vivono sempre più a lungo con conseguente aumento del bisogno di assistenza) che dei  figli (che stanno in casa tempi sempre più ampi richiedendo impegno e attenzione), del fatto che la dilatazione dei tempi della formazione e dell’ingresso nel mercato del lavoro spinge a ritardare le scelte procreative , e delle discriminazioni che nonostante tutto le donne, in quanto potenziali madri, continuano a subire nel mondo del lavoro. Già che se ne parli è un risultato, è vero, ma è giunto il momento di andare oltre alle semplici parole.

E’ passato ormai più di un anno dal 7 giugno 2012, giorno in cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri presentava il primo Piano nazionale per la Famiglia, contenente un’intera sezione dedicata agli interventi da fare a sostegno del lavoro di cura familiare: il potenziamento quantitativo e qualitativo dei servizi per la prima infanzia, la revisione dei congedi parentali (possibilità di fruizione oraria dello stesso, forma di auto-finanziamento per integrare la retribuzione fino al 70%, possibilità di usufruire del congedo anche per i nonni lavoratori con contratti più stabili dei genitori spesso precari e quindi esclusi dai congedi stessi), la flessibilità degli orari di lavoro. Ancora però nessuno di questi  punti è divenuto realtà e l’intero Piano si è assestato su di un livello puramente teorico. E noi continuiamo ad aspettare. CB

 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB