spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Numero 7 arrow Maternità: il 30% delle neomamme perde il lavoro
Maternità: il 30% delle neomamme perde il lavoro PDF Stampa E-mail
Scritto da Redazione   
luned́ 26 marzo 2007

ImageROMA - L'uffico vertenze della CGIL di Roma Sud ha realizzato una indagine su "Maternità e licenziamenti". Presentata giovedì 22 marzo alla Casa Internazionale delle Donne, la ricerca sottolinea come nei casi presi in esame maternità e lavoro diventino diritti inconciliabili, con un 30% di lavoratrici che dopo la maternità ha perso il lavoro.

"Il dato più preoccupante" dichiara al quotidiano Metro Marina Pierlorenzi, Segretaria Generale della struttura che ha realizzato la ricerca, "è che su 400 donne che si sono rivolte a noi per essere aiutate a mentenere il posto di lavoro messo a rischio dalla gravidanza, siamo riuscite ad intervenire legalmente solo su 30 casi " (meno del 10% -ndr) mentre per tutte le altre situazioni non vi erano diritti da far valere.

Il 30% delle mamme dunque, secondo la rierca dopo un anno e mezzo dal parto ha perso il lavoro. Pressioni psicologiche perchè lasci e demansionamenti, sono pane quotidiano per le lavoratrici che hanno da poco avuto un bambino, in un contesto lavorativo generale che si presenta sempre più deregolamentato e senza certezza di tutele.

Ultimo aggiornamento ( luned́ 26 marzo 2007 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB