spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Settembre 2017 Ottobre 2017 Novembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 39 1
Settimana 40 2 3 4 5 6 7 8
Settimana 41 9 10 11 12 13 14 15
Settimana 42 16 17 18 19 20 21 22
Settimana 43 23 24 25 26 27 28 29
Settimana 44 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow Votata una legge "storica"
Votata una legge "storica" PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerdý 20 dicembre 2013

Image Roma, 2013 - La Francia ha votato una legge definita « di portata storica « dalle associazioni femminili e femministe : l’abolizione del sistema prostituzionale . Da oggi in poi dopo l’approvazione in prima lettura all’Assemblea Nazionale e quella successiva del Senato, « comprare » atti sessuali diventa un reato e la legge conferma che ogni rapporto sessuale non voluto è violenza. Viene abrogato il reato di adescamento che penalizzava le persone prostituite. La legge ha previsto un fondo di 20 milioni di euro e misure di accompagnamento per le donne straniere prostituite ed in situazione irregolare che potranno accedere ad un permesso di soggiorno anche senza denunciare il prosseneta o sfruttatore .

La legge mette nelle mani di quante venivano prostituite un’arma potente : denunciare il cliente cioè quello /quelli che alimentano la violenza prostituzionale e il commercio di esseri umani. Per la prima volta si invertono i rapporti di forza tra cliente e prostituta a favore di quest’ultima. I Clientisaranno sempre di meno e le reti criminali che gestiscono il traffico dovranno cercarsi altri lidi . La Francia diventa così il quarto paese europeo ad adottare una legge contro lo sfruttamento degli esseri umani a fini di prostituzione dopo la Svezia, L’islanda e la Norvegia . Il parlamento francese ha fatto una scelta profondamente politica. In una società sempre più condizionata da rapporti di forza ineguali tra donne e uomini e tra chi ha tutto e chi non possiede nulla, ha deciso di intervenire, senza chiudere gli occhi di fronte alla realta ed ha affermato che la persona e la sessualità delle, degli ultimi non può essere preda e ostaggio di chi ha potere e denaro per comprarla .

Per i « clienti – violentatori »son previste multe salate che in caso di recidiva possono arrivare fino a 3.500 €. La legge è perfettibile sostengono le associazioni di donne che chiedono migliori interventi per sottrarre alla discrezionalità dei prefetti il rilascio dei permessi di soggiorno ; chiedono inoltre che questi siano di maggior durata.
Restiamo In attesa del prossimo passaggio al Senato e ci auguriamo che anche il parlamento Italiano trovi tempo e spazi di discussione da dedicare ad una legge contro prossenetismo e vendita ad uso sessuale di bambine e esseri umani.
Ultimo aggiornamento ( venerdý 20 dicembre 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB