spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Internazionale arrow Votata una legge "storica"
Votata una legge "storica" PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
venerd́ 20 dicembre 2013

Image Roma, 2013 - La Francia ha votato una legge definita « di portata storica « dalle associazioni femminili e femministe : l’abolizione del sistema prostituzionale . Da oggi in poi dopo l’approvazione in prima lettura all’Assemblea Nazionale e quella successiva del Senato, « comprare » atti sessuali diventa un reato e la legge conferma che ogni rapporto sessuale non voluto è violenza. Viene abrogato il reato di adescamento che penalizzava le persone prostituite. La legge ha previsto un fondo di 20 milioni di euro e misure di accompagnamento per le donne straniere prostituite ed in situazione irregolare che potranno accedere ad un permesso di soggiorno anche senza denunciare il prosseneta o sfruttatore .

La legge mette nelle mani di quante venivano prostituite un’arma potente : denunciare il cliente cioè quello /quelli che alimentano la violenza prostituzionale e il commercio di esseri umani. Per la prima volta si invertono i rapporti di forza tra cliente e prostituta a favore di quest’ultima. I Clientisaranno sempre di meno e le reti criminali che gestiscono il traffico dovranno cercarsi altri lidi . La Francia diventa così il quarto paese europeo ad adottare una legge contro lo sfruttamento degli esseri umani a fini di prostituzione dopo la Svezia, L’islanda e la Norvegia . Il parlamento francese ha fatto una scelta profondamente politica. In una società sempre più condizionata da rapporti di forza ineguali tra donne e uomini e tra chi ha tutto e chi non possiede nulla, ha deciso di intervenire, senza chiudere gli occhi di fronte alla realta ed ha affermato che la persona e la sessualità delle, degli ultimi non può essere preda e ostaggio di chi ha potere e denaro per comprarla .

Per i « clienti – violentatori »son previste multe salate che in caso di recidiva possono arrivare fino a 3.500 €. La legge è perfettibile sostengono le associazioni di donne che chiedono migliori interventi per sottrarre alla discrezionalità dei prefetti il rilascio dei permessi di soggiorno ; chiedono inoltre che questi siano di maggior durata.
Restiamo In attesa del prossimo passaggio al Senato e ci auguriamo che anche il parlamento Italiano trovi tempo e spazi di discussione da dedicare ad una legge contro prossenetismo e vendita ad uso sessuale di bambine e esseri umani.
Ultimo aggiornamento ( venerd́ 20 dicembre 2013 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB