spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

CERCATECI ANCHE SUI SOCIAL @powergender

Calendario Eventi


 
Settembre 2019 Ottobre 2019 Novembre 2019
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 40 1 2 3 4 5 6
Settimana 41 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 42 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 43 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 44 28 29 30 31
 


AFFI

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Violenza di genere arrow Femminicidio arrow Gli occhi del mondo puntati sul Canada
Gli occhi del mondo puntati sul Canada PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
lunedì 20 gennaio 2014

ImageLa violenza che colpisce le donne native canadesi è un caso da anni tristemente noto, e purtroppo irrisolto. Sin dagli anni sessanta si contano a centinaia le donne e le giovani donne vittime di femminicidio o scomparse lungo i 724 chilometri dell’autostrada n. 16 in Northern Columbia. La polizia non riesce a proteggerle, e spesso sono i poliziotti stessi a commettere terribili abusi, a sottovalutare le denunce, a rimanere ‘semplicemente’ inerti. Si tratta per la maggior parte di donne native, e moltissimi sono i casi tuttora senza un colpevole. Su questi abusi lo scorso settembre (2013) Human Right Watch ha inviato una relazione informativa alla sede centrale della Royal Canadian Mounted Police. A seguito delle ripetute critiche ricevute dalle Nazioni Unite negli ultimi anni il Canada ha intrapreso alcuni passi, nei fatti giudicati però insufficienti ed inefficaci. "Gli occhi del mondo sono puntati sul Canada per vedere quante altre vittime ancora dovranno cadere prima che il Governo decida di affrontare la questione in maniera esaustiva e coordinata". Intanto un docufilm dal titolo “Highway of Tears”, basato sul lavoro di denuncia portato avanti da Human Right Watch sarà presente al prossimo Toronto film festival, il 6 marzo 2014. Non solo racconto delle storie delle vittime, ma anche un’analisi che spiega come condizioni quali lo stato d’indigenza che ha caratterizzato la vita di più generazioni, l’alto tasso di disoccupazione e la violenza endemica, tutti fatti che caratterizzano le comunità coinvolte, abbiano contribuito al perpetuarsi nel tempo di questi crimini, rendendo la vita impossibile alla quasi totalità delle comunità native.

Ultimo aggiornamento ( venerdì 07 giugno 2019 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB