spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow La cura dei malati non autosufficienti non è "un fatto privato"
La cura dei malati non autosufficienti non è "un fatto privato" PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 12 febbraio 2014

ImageROMA – “Persone non autosufficienti, anziani malati cronici, infermi con il morbo di Alzheimer e il Parkinson oppure forme di demenza senile, pazienti psichiatrici incapaci di provvedere a se stessi”. In Italia manca quasi del tutto un orientamento ai diritti delle famiglie di queste persone fragili, una vera conoscenza di quelli che sono gli obblighi ed i doveri delle strutture sanitarie, come manca diffusione delle necessarie informazioni, utilissime ai parenti per farsi valere nei casi in cui le strutture sanitarie tendano a scaricare il/la paziente, e con questo/a la responsabilità. La dimissione dei pazienti può infatti essere rifiutata dai familiari. E’ possibile inoltre chiedere ed ottenere le cure sanitarie a costi sostenibili.

Il maggior fattore di rischio associato all'insorgenza delle demenze è l'età e la popolazione anziana è in continua crescita nel mondo ed in Italia. La demenza di Alzheimer (DA) rappresenta, il 54% di tutte le demenze con una prevalenza nella popolazione ultra sessantacinquenne del 4,4%. La prevalenza di questa patologia aumenta con l'età e risulta maggiore nelle donne, che presentano valori che vanno dallo 0,7% per la classe d'età 65-69 anni al 23,6% per le ultranovantenni, rispetto agli uomini i cui valori variano rispettivamente dallo 0,6% al 17,6%. (Dati Ministero della Salute- Ultimo aggiornamento 12 settembre 2013)

“Le ASL devono farsi carico delle prestazioni per anziani cronici non autosufficienti e/o dementi per una quota che varia dal 40 al 70% del costo totale, a seconda del livello di autosufficienza del paziente”. E' possibile anche far inserire in comunità terapeutica il/la parente malato/a psichiatrico/a che non può stare in famiglia. Questi ed altri, i dati -ma anche le storie- sonoraccolti nella pubblicazione “Non è sufficiente” a cura di ALTRAECONOMIA. Per maggiori informazioni leggere QUI l’articolo a cura del REDATTORE SOCIALE

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB