spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Diritti e Diritti Umani arrow Salute per tutte/i arrow La cura dei malati non autosufficienti non è "un fatto privato"
La cura dei malati non autosufficienti non è "un fatto privato" PDF Stampa E-mail
Scritto da EP   
mercoledì 12 febbraio 2014

ImageROMA – “Persone non autosufficienti, anziani malati cronici, infermi con il morbo di Alzheimer e il Parkinson oppure forme di demenza senile, pazienti psichiatrici incapaci di provvedere a se stessi”. In Italia manca quasi del tutto un orientamento ai diritti delle famiglie di queste persone fragili, una vera conoscenza di quelli che sono gli obblighi ed i doveri delle strutture sanitarie, come manca diffusione delle necessarie informazioni, utilissime ai parenti per farsi valere nei casi in cui le strutture sanitarie tendano a scaricare il/la paziente, e con questo/a la responsabilità. La dimissione dei pazienti può infatti essere rifiutata dai familiari. E’ possibile inoltre chiedere ed ottenere le cure sanitarie a costi sostenibili.

Il maggior fattore di rischio associato all'insorgenza delle demenze è l'età e la popolazione anziana è in continua crescita nel mondo ed in Italia. La demenza di Alzheimer (DA) rappresenta, il 54% di tutte le demenze con una prevalenza nella popolazione ultra sessantacinquenne del 4,4%. La prevalenza di questa patologia aumenta con l'età e risulta maggiore nelle donne, che presentano valori che vanno dallo 0,7% per la classe d'età 65-69 anni al 23,6% per le ultranovantenni, rispetto agli uomini i cui valori variano rispettivamente dallo 0,6% al 17,6%. (Dati Ministero della Salute- Ultimo aggiornamento 12 settembre 2013)

“Le ASL devono farsi carico delle prestazioni per anziani cronici non autosufficienti e/o dementi per una quota che varia dal 40 al 70% del costo totale, a seconda del livello di autosufficienza del paziente”. E' possibile anche far inserire in comunità terapeutica il/la parente malato/a psichiatrico/a che non può stare in famiglia. Questi ed altri, i dati -ma anche le storie- sonoraccolti nella pubblicazione “Non è sufficiente” a cura di ALTRAECONOMIA. Per maggiori informazioni leggere QUI l’articolo a cura del REDATTORE SOCIALE

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB