spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Agosto 2017 Settembre 2017 Ottobre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 35 1 2 3
Settimana 36 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 37 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 38 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 39 25 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Comunicare e dialogare PDF Stampa E-mail
Scritto da I.Giacobbe   
domenica 11 maggio 2014

Image
Edda Billi
Roma- 9 maggio 2014 – Prosegue il viaggio tra le detenute  e i detenuti delle carceri Romane, tra persone che stanno scontando in carcere il prezzo dei reati commessi, persone giudicate colpevoli, rinchiuse e in attesa di riprendere la vita futura nelle loro mani . Un progetto di conferenze e dialoghi multipli a partire da un docufilm e dal racconto in prima persona di Laura Annibali cineasta, presidente del Gayproject. Sul secondo incontro  riceviamo e volentieri pubblichiamo il commento di Edda Billi, femminista e protagonista dialogante.  

UN'ESPERIENZA MOLTO OSE  di Edda Billi

Dopo i cancelli del carcere femminile di Rebibbia si sono aperti quelli del carcere maschile. E stato grazie a un uomo come Angiolo Mrroni , garante dei diritti dei detenuti della Regione Lazio e alla lungimiranza , devvero eccezionale, del direttore Stefano Ricca e della funzionaria Antonella Grella se ciò è potuto acc...

....E' stato grazie ad un uomo come Angiolo Marroni, garante dei diritti dei detenuti della regione Lazio e alla lungimiranza, davvero eccezionale, del direttore Stefano Ricca e della funzionaria Antonella Grella se ciò è potuto accadere.

Quello di portare il docufilm di Laura Annibali, presidente del Gayproject, "L'altra altra metà del cielo" il cui tema, l'omofobia, non è proprio ciò che sceglierebbero gli integerrimi integralisti che tanta parte hanno nel dibattito attuale!
 L'incontro e mi tremava un po’ il cuore, devo ammetterlo, è stato invece coinvolgente e profondo.
Occhi e mani che si offrivano al dialogo, domande intelligenti e pacate, fatte da un mondo di "esclusi" che invece è stato presente, attento e vigile.
 Per me, femminista e fino a poco tempo fa decisamente separatista, è stata un'esperienza ai limiti della mia storia.
Ma poi penso a ciò che sta accadendo intorno a noi, in questo nostro Paese che vede troppi signori del potere rubarci denaro e futuro e quasi mi conforta il ricordo  dei loro visi protesi, delle loro domande "pulite" e so di avere vissuto una giornata vincente.
 
Edda Billi
della Casa Internazionale delle Donne di Roma
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB