spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Maggio 2017 Giugno 2017 Luglio 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 22 1 2 3 4
Settimana 23 5 6 7 8 9 10 11
Settimana 24 12 13 14 15 16 17 18
Settimana 25 19 20 21 22 23 24 25
Settimana 26 26 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Legge 40 arrow Una sentenza di civiltà
Una sentenza di civiltà PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
martedì 10 giugno 2014

ImageROMA - La Corte Costituzionale, al giro di boa del decimo anno di vita della legge 40/2004, pubblica (oggi) le motivazioni della sentenza dello scorso aprile che ne hanno dichiarato l‘illegittimità incostituzionale in ben 3 articoli e 4 punti, sopratutto nel divieto per le coppie sterili di ricorrere alla fecondazione eterologa che, dunque, viene dichiarato privo di adeguato fondamento costituzionale. La scelta di una coppia in questo senso è da considerarsi infatti "espressione della fondamentale e generale libertà di autodeterminarsi", quindi va rispettata. Così afferma la sentenza 162/2014 della Consulta, che spiega le motivazioni della decisione dello scorso 9 aprile che dichiarava costituzionalmente illegittimo il divieto di fecondazione eterologa imposto dalla legge 40. L’art. 32 della Costituzione sarebbe violato, perché il divieto in esame lederebbe l’integrità psichica e fisica delle coppie con più gravi problemi di sterilità o infertilità. La Legge 40 contiene inoltre  norme che non consentirebbero alle coppie affette da sterilità o infertilità assoluta "il proprio diritto all’identità ed autodeterminazione, espresso dal principio personalistico dell’Art. 2 della Costituzione." Un’ottima sentenza che ripristina, almeno in questi aspetti, in Italia, i principii di uguaglianza e parità.

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB