spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




A Roma un forum sui diritti PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
venerdì 06 febbraio 2015

ImageROMA - Il 9 e 10 febbraio prossimi si terrà a Roma presso la Casa del Jazz (Viale di Porta Ardeatina, 55), "NOTE DI DIRITTI E LIBERTÀ", forum sui diritti umani organizzato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Vedrà la partecipazione di esperti, esponenti del mondo accademico e politico di fama nazionale, europea e internazionale, nonché membri delle organizzazioni della società civile al fine di fornire una panoramica generale della situazione attuale e di individuare i progressi, le lacune e le sfide future nel settore dei diritti umani. Si affronteranno, con la formula dei workshop, temi di genere come “Discriminazioni di genere ed empowerment delle donne”, perché «e discriminazioni nei confronti delle donne sono tuttora una realtà nel nostro Paese e si realizzano in diversi ambiti. In particolare, esistono ancora differenze, talvolta significative, tra uomini e donne nell’accesso al mondo del lavoro, nella retribuzione a parità di lavoro svolto (“gender pay gap”), nelle progressioni di carriera e in particolare nel conseguimento di posizioni di vertice. Per realizzare una effettiva parità di genere occorre intraprendere una incisiva lotta agli stereotipi di genere». E cambiare le procedure di selezione ed avanzamento.

Ma si parlerà anche di immigrazione e “Criminalità organizzata e diritti negati dei migranti” perché «forte è il tentativo della criminalità organizzata di condizionare non solo le rotte dei flussi migratori ma anche la loro accoglienza e soprattutto le opportunità di lavoro in special modo nella filiera agroalimentare». Lo smuggling e il trafficking di esseri umani, è ormai risaputo, sono affari altamente lucrosi per la criminalità che approfitta così dei minori, bambine e bambini, e delle presone in stato di fragilità anche per lo sfruttamento sessuale più becero, che a volte diventa vera e propria riduzione in schiavitù.

Tra gli argomenti si toccherà anche anche il tema delle “discriminazioni istituzionali” diffusissime in un paese che fatica a trovare equilibri possibili di conoscenza, convivenza, integrazione. Altro tema importante, è il “Riconoscimento della dignità e della capacità di autodeterminazione delle donne per l’attuazione della parità sostanziale”, ovvero come contrastare il fenomeno della violenza sulle donne ed elaborare una strategia nazionale capace di contrastare efficacemente il fenomeno della violenza sulle donne «recependo le raccomandazioni della Convenzione di Istambul(2011) e in ottemperanza a quanto previsto dalla legge sul Femminicidio (n.119/2013) che all’art. 5 prevede l’adozione di un “Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere”.»

Si parlerà anche della “Carta per le Pari Opportunità e l’uguaglianza sul lavoro” del 5 ottobre 2009, una dichiarazione di intenti, sottoscritta volontariamente da imprese di tutte le dimensioni, per la diffusione di una cultura aziendale e di politiche delle risorse umane inclusive, libere da discriminazioni e pregiudizi. Compito non facile, ma come tutti gli altri del resto. Non mancheranno infatti al forum le tematiche inerenti i diritti delle persone LGBT, sfida che nel “contesto italiano presenta numerose criticità, quali la carenza normativa, la permanenza di stereotipi e pregiudizi”, e l’analisi del fenomeno delle discriminazioni di genere e del razzismo in ambito sportivo, dove «il persistere di una cultura omofoba che intende lo sport come l’espressione di un machismo ormai fuori tempo, o, ancora, la discriminazione che continua a colpire le donne che decidono di avviare una carriera sportiva, dimostrano che il cammino da fare è ancora molto.» Sotto tutti gli aspetti.

 

Ultimo aggiornamento ( venerdì 06 febbraio 2015 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB