spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne


tel_antidiscriminazioni_razziali
tel_antitratta
tel_antiviolenza_donna
video testimonianza Bignardi

Login Form






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home
L‘Italiano parlato e scritto correttamente da bambine e bambini. PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
martedì 28 aprile 2015

Image Il linguaggio di genere, l’uso di un linguaggio non sessista, lo abbiamo detto e scritto molte volte, ne abbiamo discusso con le/gli studenti liceali, abbiamo diffuso il testo di Alma Sabatini e partecipato a convegni e seminari ,organizzato mostre e diffuso questionari, ma non abbiamo mai raggiunto l’efficacia di questo piccolo volume dedicato alle bambine e bambini della scuola primaria.

La grammatica la fa... la differenza

è il titolo di un libro scritto da varie autrici , illustrato da Gabriella Carofiglio , e pubblicato dalla Casa Editrice MAMMEONLINE (http://www.casaeditricemammeonline.it/libri/la-grammatica-la-fa-la-differenza) costo € 12,00.

Spiega l’editrice Donatella Caione:

«Non vogliamo cambiare la lingua ma semplicemente rispettarla. Come mamme siamo partite da un’idea semplice: offrire alle bambine, che sono lettrici appassionate, libri con protagoniste bambine come loro e non principesse o Violette. E la grammatica è collegata a tutto il resto: si comincia a criticare la parola assessora e si passa ad attaccare la presunta teoria del gender. Del resto se una bambina alla mostra legge pittore e non pittrice pensa che sia un’arte preclusa alle donne. Basta dire buongiorno bambini e bambine per creare un senso di maggiore partecipazione»

Attraverso l’uso di fiabe e filastrocche, di paradossi e scherzi semantici,un po' alla maniera usata già in passato da Gianni Rodari. il libro mostra a bambine e bambini l’uso del linguaggio corretto perché :

"Per ripristinare correttezza lessicale ed equità tra i sessi, è bene proprio partire dal rispetto della grammatica!"

Un libro di racconti, filastrocche e fiabe , scritte da note autrici di letteratura per l’infanzia che in maniera spontanea e non forzata mostra a bambini e bambine la naturalezza dell’uso del linguaggio di genere.

Hanno sostenuto e patrocinato il progetto la Regione Puglia, le consigliere di parità della Regione Puglia e della Provincia di Foggia. l’Università di Foggia, il Concorso Lingua Madre.


Ultimo aggiornamento ( mercoledì 29 aprile 2015 )
 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB