spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Ottobre 2017 Novembre 2017 Dicembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 44 1 2 3 4 5
Settimana 45 6 7 8 9 10 11 12
Settimana 46 13 14 15 16 17 18 19
Settimana 47 20 21 22 23 24 25 26
Settimana 48 27 28 29 30
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Schiave della frutta in Italia PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 27 maggio 2015

ImageDIRITTI - In questi giorni l’Espresso.it  pubblica un reportage (a firma delle giornaliste Raffaella Cosentino e Valeria Teodonio) sulle “schiave dei campi”. Raccolgono frutta in Puglia, Sicilia, Campania. Sono prevalentemente donne. Prevalentemente italiane. Più controllabili, ricattabili, assoggettabili, e con mani più delicate, rispetto agli uomini. A pochi giorni dall’apertura di EXPO, viene davvero voglia di smettere di mangiare la frutta immediatamente quando si leggono queste storie, e le cifre di quello che sembra un giro d’affari tollerato e, per certi utili aspetti, anche legalizzato. 

Il caporalato che fornisce alle aziende agricole la necessaria manodopera stagionale ha trovato plausibili escamotages per non sembrare tale. Così la macchina azionata dal lavoro delle “nuove schiave dei campi”, tranne che per le operatrici agricole, funziona piuttosto bene. Vengono trasportate in pullman le nuove schiave che arrivano in Italia dall’Est. Potremmo sequestrare ed eliminare anche questi mezzi, così come ci si propone  di fare con le ‘carrette’ del mare che giungono sulle coste cariche di altri migranti? Sembra però più facile cavalcare l’onda contro lo sfruttatore ed il mariuolo straniero piuttosto che pizzicare quello nostrano. Nonostante i numeri.

«Le straniere schiavizzate in agricoltura sono 15mila (contro i 5mila uomini). Sono quasi sempre giovani mamme, ricattabili proprio perché hanno figli piccoli da mantenere. Un dato impressionante, che si somma ad un altro elemento preoccupante: il numero sempre crescente delle lavoratrici italiane, che, se non schiavizzate, sono comunque gravemente sfruttate: sempre secondo le stime del sindacato, in Campania, Puglia e Sicilia, le tre regioni a maggiore vocazione agricola, sono almeno 60mila, in proporzione crescente rispetto alle straniere. Vengono pagate 3-4 euro l'ora, ma anche meno in alcuni territori, e costrette a turni massacranti.» scrive Valeria Teodonio.

E’ storia antica, ma l’emergenza occupazione che affligge il nostro paese, aggravata dalla crisi, sta aprendo -e mantenendo- ghiotte opportunità di sviluppo per gli impuniti capaci di coniugare business e malaffare. Intollerabile! Ma «qui non si tratta di caporali e basta, si tratta di organizzazioni criminali. Malavita. Il caporale è solo un anello della catena.» Le aziende agricole italiane –viene allora lecito domandarsi- sono davvero all’oscuro di tutto e “senza peccato”? Se anche così fosse stato, da oggi non sarà più possibile sostenere di non sapere. «Gli addetti all'agricoltura in Italia sono un milione e 200 mila. Nel 43 per cento dei casi -è il dato dell'Istat- si tratta di lavoro sommerso. E il giro d'affari legato al business delle agromafie, secondo le stime della Direzione nazionale antimafia, è di 12,5 miliardi di euro all'anno

 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB