spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Novembre 2017 Dicembre 2017 Gennaio 2018
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 48 1 2 3
Settimana 49 4 5 6 7 8 9 10
Settimana 50 11 12 13 14 15 16 17
Settimana 51 18 19 20 21 22 23 24
Settimana 52 25 26 27 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Politica arrow Pensioni e Welfare arrow "Non per cassa, ma per equità”
"Non per cassa, ma per equità” PDF Stampa E-mail
Scritto da Irene Giacobbe   
sabato 07 novembre 2015

Image Roma, 6 novembre 2015.

Con questa significativa titolazione, l’INPS guidata da Tito Boeri, ha presentato una articolata e documentata proposta normativa con un duplice obiettivo :Intervenire fattivamente per abbattere la povertà, migliorando la distribuzione della spesa assistenziale erogata dall’INPS; ridurre le disparità limitando gli anacronistici privilegi che hanno caratterizzato per troppo tempo una parte della spesa pensionistica italiana.
L’INPS eroga mensilmente 21 MILIONI DI PENSIONI a favore di 15,milioni e seicentomila beneficiari (vedi all.1). Sulla base di una lettura coordinata dei dati rilevati dall’ISTAT sulla povertà degli italiani e sul Mercato del Lavoro, ispirata a principi di etica e di equità, la proposta INPS mira ad armonizzare due uscite - quella assistenziale che oggi è ripartita tra 8 diverse prestazioni, indipendenti tra loro (vedi all.2) - e quella per pensioni, in particolare quelle elevate, non commisurate agli effettivi versamenti, pensioni da ricalcolare e armonizzare con i criteri delle riforme previdenziali degli ultimi 25 anni, per evitare iniquità distributive.
Sostegno di Inclusione Attiva ovvero: SIA-55 è la sigla della proposta indirizzata a sostegno degli ultra 55enni, donne e uomini ....
Donne e uomini imprigionati nel brusco innalzamento dell’età pensionabile, nell’assenza di lavoro nel settore privato e nel blocco di assunzioni del settore pubblico, senza speranza di migliorare la loro condizione, con figlie e figli giovani per i quali le prospettive occupazionali si sono via via ridotte in questi anni.
Consiste nell’istituire un reddito minimo garantito pari a € 500,00 al mese per disoccupato/a ultracinquantacinquenne (se da solo ) ovvero parzialmente decurtato in relazione alle condizioni reddituali del nucleo familiare. (*)
Le risorse necessarie per sostenere la platea di aventi diritto IN CONDIZIONI DI POVERTA' vengono recuperate con un prelievo progressivo su 250.000 individui titolari di 326.000 pensioni e vitalizi con valori superiori a 7 volte il minimo pensionistico attuale cioè superiori a 3.500€ netti mensili. (5.000€ lordi).
Il contributo derivante dal ricalcolo delle pensioni è progressivo e differenziato; i titolari sono per l’80% uomini, in maggioranza residenti al nord e centro Italia.
Riuscirà il Parlamento a discutere una proposta che riguarda il sostegno minimo al reddito di circa mezzo milione di persone?
Riuscirà il sistema dei media a informare correttamente sul prelievo di piccole quote (che arriveranno al 10% soltanto per chi ha una pensione superiore a 7.000€ ) ai pochi privilegiati che si sono finora sottratti alle riforme previdenziali degli ultimi 25 anni?
Tutta la proposta è pubblicata sul nostro sito, nello spazio documenti pensionistici. Per capire le disuguaglianze presenti nel sistema pensionistico italiano è sufficiente leggere il rendiconto INPS 2014 e le tabelle in esso contenute, differenziate per sesso e per aree geografiche.
La lettura di genere evidenzia con eloquenza le discriminazioni salariali che caratterizzano la presenza delle donne nel mercato del lavoro.
Da quando la gestione è passata da Mastrapasqua a Boeri, sul sito dell’INPS vengono pubblicati, ed è possibile analizzare, tutti i dati.
Ad esempio: le pensioni superiori a 3.000€ mensili sono 724.250 (4,6 %del totale) e assorbono 41 MILIARDI annui, il 15,2% della spesa totale.
Soltanto per dare la misura delle disuguaglianze: le pensioni di importo fino a 700€ mensili sono oltre 6,6 milioni (42,5%) e assorbono complessivamente 50 MILIARDI, il 18,9% della spesa totale.
Con alcuni inquietanti paradossi come, ad esempio, quello dei fondi speciali, confluiti nell’INPS dopo aver eroso il proprio patrimonio, con i bilanci ormai in rosso, con prestazioni pensionistiche elevate riservate ai propri iscritti.
Rilevante il caso dell' INPDAI - dirigenti di azienda e industriali - che eroga 126.576 pensioni, di importo medio pari a 44.000€ a fronte di appena 31.800 iscritti. Le ricche pensioni INPDAI, coperte dal fondo solo per il 25% sono pagate dal fondo pensioni dei lavoratori dipendenti, fondo in attivo e in equilibrio perché a fronte dei versamenti di 12.734.300 operai/e ed impiegati/e iscritti, eroga 8.707.952 pensioni di importo basso e medio basso. 
 
(*)in base alla scala di equivalenza OCSE modificata (vedi allegato 2, pag 26, proposta normativa )

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 novembre 2015 )
 
Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB