spacer.png, 0 kB
Power&Gender Testata giornalistica online Registrazione tribunale di Roma n° 481/2006 del 13/12/2006 Direttrice responsabile: Eva Panitteri
Edita dall'Associazione Power And Gender

Calendario Eventi


 
Luglio 2017 Agosto 2017 Settembre 2017
    Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
Settimana 31 1 2 3 4 5 6
Settimana 32 7 8 9 10 11 12 13
Settimana 33 14 15 16 17 18 19 20
Settimana 34 21 22 23 24 25 26 27
Settimana 35 28 29 30 31
 


AFFI

Lobby EU Donne

spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB




Home arrow Argomenti arrow Violenza di genere arrow Iniziative di sensibilizzazione arrow Parole contro la violenza contro le donne
Parole contro la violenza contro le donne PDF Stampa E-mail
Scritto da Eva Panitteri   
mercoledì 25 novembre 2015

ImageROMA - La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, che si celebra oggi, ha visto svolgersi innumerevoli eventi in tutta Italia. Solo nell'ultimo anno sono state 152 le vittime di femminicidio. E sebbene si registri un leggero miglioramento rispetto a 10 anni addietro, il problema resta gravissimo e le istituzioni non hanno fatto mancare la propria voce. La presidente della Camera, Laura Boldrini, avverte: “Non dobbiamo abbassare la guardia” perché un recente sondaggio ha rivelato che il "20% dei giovani uomini italiani reputa normale che un uomo tradito diventi violento, che meno della metà di tutti gli uomini in Italia si pone dalla parte delle donne mentre il 35% ritiene che la violenza di genere sia un fenomeno da regolare 'tra le pareti di casa'. La battaglia, dunque, è tutt'altro che vinta". Mentre il Presidente della Repubblica, Sergio  Mattarella dichiara: "Contrastare la violenza sulle donne è un compito essenziale di ogni società che si proponga la piena tutela dei diritti fondamentali della persona. L'educazione al rispetto reciproco, nei rapporti personali e nelle relazioni sociali, è alla base del nostro vivere civile. La violenza sulle donne è un fenomeno sociale ingiustificabile che attecchisce ancora in troppe realtà, private e collettive e nessun pretesto può giustificarla. Si tratta di comportamenti che vanno combattuti fermamente. La scuola e le altre attività in cui si esplica la crescita della persona devono essere in prima fila contro ogni forma di violenza, pregiudizio e discriminazione". (FONTE: Repubblica.it)

 
< Prec.   Pros. >
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB